Quando fare ginnastica posturale in maniera corretta

Ascoltare il proprio corpo e rispettare la graudalità

chiudi

Caricamento Player...

Quando fare ginnastica posturale? Non solo quando i muscoli cominciano a dolere e soprattutto non quando si soffre di certe patologie.

I benefici (e anche i rischi) della ginnastica posturale

La ginnastica posturale si pone come obiettivi il miglioramento del tono muscolare generale e lo scioglimento dei muscoli contratti che periodicamente bruciano e dolgono quando si assumono posizioni scorrette per lunghi periodi.

Gli esercizi previsti da un percorso di ginnastica posturale sono in genere dolci, non eccessivamente faticosi e alla portata di tutti. Questa caratteristiche, unite ai sicuri benefici apportati da questa disciplina, hanno reso la ginnastica posturale una delle mode del momento. Occorre però prestare attenzione all’esecuzione di alcuni esercizi per non peggiorare, invece che alleviare, problemi fisici di varia natura.

L’iperestensione si effettua distesi, sollevando contemporaneamente braccia e gambe. Una versione più dura dell’esercizio prevede di afferrare le caviglie con le mani. Questo esercizio è fortemente sconsigliato a chi soffre di lordosi perché potrebbe peggiorare la deformazione della colonna vertebrale.

La flessione del busto contro l’addome è sconsigliata a chi soffre di lombalgie con protusione o di ernia del disco. Inoltre la curvatura verso l’interno delle spalle potrebbe peggiorare una cifosi dorsale preesistente. 

Quando fare ginnastica posturale?

In genere ci si dedica alle attività sportive quando si sono già verificati problemi tangibili (sovrappeso, cattiva forma fisica generale, dolori muscolari) e la ginnastica posturale purtroppo non fa eccezione.

Sarebbe invece consigliabile eseguire esercizi di ginnastica posturale se si svolgono mansioni lavorative che impongono di ripetere un determinato movimento o di assumere una determinata posizione per molte ore e per molti giorni all’anno.

E’ infatti statisticamente assai probabile che il corpo, quando affaticato, assuma posizioni o abitudini scorrette che andranno sul lungo periodo ad alterarne l’equilibrio posturale.

E’ possibile iscriversi a corsi di ginnastica posturale che stanno fiorendo in tutta Italia, ma una buona alternativa è quella di eseguire semplici esercizi di ginnastica posturale almeno tre volte la settimana, anche a casa.