Quali sono i cibi da evitare con la candida intestinale

Parassita responsabile di non pochi fastidi, la candida intestinale provoca rallentamento della digestione e altri disagi del sistema digerente. Quali cibi evitare?

chiudi

Caricamento Player...

Nota come causa di infezione vaginale, non tutti sanno che la candida intestinale colonizza anche l’intestino. Qui, dove risiedono gli enzimi, indispensabili per digerire ed assimilare il cibo, il danno è sostanzialmente un rallentamento della digestione, intolleranze alimentari, meteorismo, eccetera.

Esistono accorgimenti alimentari che possono evitare il peggiorarsi della candida intestinale, vediamoli insieme:

  • Abolire i dolci – cioccolato, creme, caramelle, prodotti di pasticceria in generale, ma anche i carboidrati di pane, pasta, pizza, patate (la candida si nutre di zuccheri);
  •  Preferire il latte di soia, avena, riso, mandorle al latte vaccino.
  •  Basta “junk food” – merendine confezionate, snack e cibi confezionati con aggiunta di conservanti;
  •  Mettere al bando i lieviti, soprattutto quelli chimici;
  •  No alle bibite zuccherate, il caffè e le bevande eccitanti come le bevande energetiche “Red Bull”, no ai succhi di frutta;
  •  Evitare i formaggi stagionati e gli insaccati;

Sono pochi gli accorgimenti da adottare quando si ha la candida intestinale, ma fondamentali per un buon decorso dell’infezione. Essenziale, infine, è consultare un medico competente che possa aiutare in caso di complicanze alimentari.