Ecco come proteggere le piante dal sole e dal caldo durante la stagione estiva: basta acqua fresca due volte al giorno e tenerle lontano dalla luce diretta.

Nella stagione estiva molte piante vivono e crescono meglio se tenute all’aria aperta. Tuttavia, il caldo e il sole possono diventare letali per questi esseri viventi. Per questo motivo è importante seguire delle regole green per cercare di mantenerle verdi e sane il più a lungo possibile. Come fare, allora, per evitare che le foglie si ingialliscano e che i fiori diventino spenti e molli? Come proteggere le piante? Ecco alcuni consigli preziosi tramandati dalle nonne di generazione in generazione per un angolo verde sempre nel massimo del suo splendore.

Piante sul terrazzo
Piante sul terrazzo

I consigli per proteggere le piante dal caldo

La prima cosa da fare è aumentare le dosi di acqua per le vostre piante estive. Non sarà più sufficiente una volta al giorno, ma ne serviranno due. Bagnate il terriccio nelle ore più fresche della giornata, ovvero al mattino presto e alla sera quando il sole è già tramontato. Non avrebbe alcun senso irrigare le piante nelle ore centrali del giorno in pieno sole perché l’acqua non riuscirebbe a penetrare nel terreno. Se al mattino non avete tempo lasciate un po’ di acqua in più nel sottovaso: sarà poi la pianta a prendere quella di cui avrà bisogno durante la giornata.

Un altro accorgimento importante è evitare di lasciare le piante sotto la luce diretta del sole durante le ore più calde. Le rose, ad esempio, se assorbono troppo sole si bruciano e i petali si sbiadiscono subito.

Se avete un piccolo angolo verde in giardino, scegliete il lato nord per le vostre piante in modo da non far patire loro il sole. Nei giorni in cui il sole è cocente spruzzate su foglie e fiori un po’ di acqua, preferibilmente non calcarea e vedrete che patiranno meno.

7 minuti al giorno per un corpo da favola!

TAG:
Piante

ultimo aggiornamento: 01-08-2020


Doposole fai da te all’aloe: come farlo per lenire e idratare la pelle

Trappola per zanzare: come realizzarla con metodi fai da te