Proprietà della curcuma

Le molteplici proprietà della curcuma: lo zafferano delle Indie in grado di apportare giovamentale mentale e fisico all’intero organismo grazie alle proprietà della curcumina.

chiudi

Caricamento Player...

La curcuma, conosciuta anche come lo zafferano delle Indie, è una spezia dal color oro ricca di profumo e proprietà benefiche. Questa spezia viene utilizzata oramai da millenni nelle culture orientali sia in ambito medico che culinario. I benefici che se ne traggono coinvolgono l’intero organismo, in particolare l’apparato digerente e il sistema nervoso. Scopriamo quali sono tutte le proprietà della curcuma e come sfruttare al meglio i suoi  principi.

Potente alleato della pelle, del cervello e dei dolori articolari, ecco quali sono tutte le proprietà della curcuma: antitumorale, disintossicanti e potente antinfiammatorio.

La curcuma ha delle ottime proprietà disintossicanti e depuranti. Questo fa si che sia in grado di apportare un notevole miglioramento alla funzionalità del fegato. Una delle proprietà più rinomate di questa spezie è l’essere un potente antiossidante. Riesce, infatti, a trasformare i radicali liberi e di conseguenza rallenta l’invecchiamento delle cellule dell’organismo. Inoltre, ha delle fantastiche proprietà antinfiammatorie e di conseguenza apporta un notevole giovamento in caso di dolori articolari e reumatismi. Ottimo, ad esempio, per contrastare l’artrite, fastidiosi e costanti mal di schiena e mal di pancia. In caso di disturbi all’apparato digerente la curcuma agisce attraverso le sue proprietà antiossidanti e purificanti per stimolare e depurare l’intestino donando un naturale sollievo e regolarità.

Recenti studi dimostrano, infine, che la curcumina contenuta all’interno della curcuma, abbia delle prodigiose proprietà antitumorali. Pare, infatti, che possa aiutare a contrastare tumori molto diffusi al giorno d’oggi, come quello alla bocca, ai polmoni o al fegato. Infine, vediamo come la curcuma influisca positivamente anche a livello celebrale. Si sta cercando di capire come questa possa influenzare la funzione celebrale aumentando la memoria e l’intelligenza di una persona.