A cosa serve il progesterone in gravidanza? Scopriamo le funzioni di questo ormone nella regolazione del ciclo mestruale e della gestazione.

Il progesterone in gravidanza ha un ruolo fondamentale sia per preparare il corpo alla gestazione che per lo sviluppo stesso dell’embrione. L’importanza di questo ormone, infatti, è data dalla sua capacità di regolare il ciclo mestruale. Quando è in atto una gravidanza i livelli di progesterone vanno incontro a delle variazioni. I cambiamenti nel valore di questo ormone servono proprio a preparare il corpo della donna in vista della gestazione e vanno, quindi, a influenzare diversi aspetti della biologia femminile. Vediamo nel dettaglio il ruolo del progesterone in gravidanza e a cosa serve.

La funzione del progesterone in gravidanza

Come già anticipato il progesterone ha un ruolo importante nello stabilizzare il ciclo mestruale. In particolare, in vista di una gravidanza, questo ormone agisce in modo da preparare l’endometrio per accogliere l’embrione. Dopo che è avvenuto l’impianto, inoltre, il progesterone continua ad avere un ruolo in tutta la gravidanza stessa. È proprio questo ormone, infatti, ad essere implicato anche nello sviluppo stesso del neonato.

Donna in dolce attesa
Donna in dolce attesa

Il suo compito, però, non si esaurisce in questo modo, infatti, anche dopo il parto il progesterone continua ad essere importante. Proprio nel periodo dell’allattamento è uno degli ormoni coinvolto in particolare nello sviluppo del seno affinché si possa allattare in maniera adeguata e produrre la giusta quantità di latte.

Progesterone: come cambiano i suoi valori?

Durante i nove mesi di gestazione si ha una valutazione della quantità di questo ormone. Dosarne i valori può servire in diversi casi, e non solo in gravidanza: ad esempio la quantità di questo ormone nel sangue può aiutare a definire il periodo dell’ovulazione.

Calendario Giorni Fertili
Calendario Giorni Fertili

Cosa bisogna fare, invece, se si ha un valore di progesterone basso in gravidanza? Bisogna considerare che i valori di progesterone nella gravidanza iniziale, ovvero nei primi mesi, servono a valutare l’andamento stesso della gestazione. Di frequente si misurano sia i livelli di beta hCG che di questo ormone.

Nel caso del progesterone, valori inferiori a quelli normali, possono essere un campanello d’allarme che segnala alcune situazioni anomale. Ad esempio dei valori più bassi della norma potrebbero essere associati al rischio di distacco della placenta o di gravidanza ectopica. In ogni caso un’anomalia di questi valori dovrà essere valutata sempre dal parere di uno specialista e non è necessariamente un motivo per cui preoccuparsi.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Le regole per fare ginnastica in gravidanza in tranquillità

Tutto sul bonus bebè: cos’è e chi può richiederlo