Da cosa dipendono i piedi gonfi in gravidanza e quando è il caso di preoccuparsi? Vediamo cosa fare e quali rimedi ci sono.

Tra le condizioni che possono manifestarsi durante la gestazione c’è il problema dei piedi gonfi in gravidanza. Il gonfiore che interessa caviglie e piedi, infatti, si fa piuttosto frequente specie nel corso del terzo trimestre. È bene sapere che nella maggior parte dei casi non bisogna preoccuparsi perché questa condizione è semplicemente indice dell’aumento della ritenzione idrica. Vediamo nello specifico quali sono le cause e i rimedi per il gonfiore.

Da cosa dipendono i piedi gonfi in gravidanza?

In genere il gonfiore ai piedi è dovuto all’aumento della ritenzione idrica che a sua volta dipende dai cambiamenti fisiologici legati alla gravidanza stessa. Contribuiscono al fenomeno, infatti, i cambiamenti ormonali, il fatto che l’utero si ingrandisce e l’aumento stesso della componente liquida del sangue (il plasma). Oltre a questi cambiamenti che possono essere considerati fisiologici, ci sono poi altri fattori che possono contribuire al gonfiore.

Donna in gravidanza sul divano
Donna in gravidanza sul divano

A peggiorare la condizione può, infatti, contribuire il peso, stiamo parlando perciò di situazioni di obesità o di sovrappeso. Inoltre, il gonfiore agli arti può accentuarsi anche se si sta in piedi per un periodo di tempo prolungato o in seguito a scarso movimento. Un’altra concausa è data dalle temperature elevate, per cui è probabile che questo fenomeno si possa aggravare durante l’estate.

Piedi gonfi in gravidanza: i rimedi

In genere questa condizione si accentua nel terzo trimestre, ad esempio è molto comune avere i piedi gonfi in gravidanza al nono mese. Così come compare all’improvviso, il gonfiore tende poi a svanire entro pochi giorni dopo il parto. In ogni caso ci sono alcuni accorgimenti che possono aiutarci a dare sollievo ai piedi gonfi. Principalmente il problema è dovuto alla ritenzione idrica per cui una delle cose più importanti da fare è bere molto e prediligere frutta e verdura nell’alimentazione. Al tempo stesso bisogna evitare i pasti eccessivi e stare alla larga da cibi poco digeribili, grassi e soprattutto salati.

Mangiare in gravidanza
Mangiare in gravidanza

Durante il riposo può essere utile sollevare leggermente le gambe, inoltre anche la scelta delle calzature è importante: evitate i tacchi e preferite invece scarpe comode. Questi sono tutti accorgimenti che possono aiutare generalmente, tuttavia è importante stare attente alla presenza di altri sintomi concomitanti. Se si verificano dolori alla gambe, mal di testa o gonfiori eccessivi si raccomanda di contattare il proprio medico. Esiste infatti un nesso tra piedi gonfi in gravidanza e gestosi, in questo caso sono necessari ulteriori accertamenti per evitare complicazioni.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-12-2021


Cosa c’è da sapere sulla sindrome di Jacobs

Come finisce Masha e Orso? Ecco la vera storia a cui si ispira!