L’elenco dei nomi delle piante grasse: con fiori, da casa e da esterno, ecco quali sono tutti i tipi che si possono comprare e coltivare.

Un hobby che va molto di moda è quello della cura delle piante grasse, dette anche succulente, perché esse prima di tutto sono molto belle e tutte diverse, ma anche necessitano di poche cure e attenzioni per poter essere coltivate. Si possono posizionare sia in casa sia all’esterno, a seconda del tipo, e come decorazione sono veramente ottime e adatte a ogni situazione. Ma quali sono i tipi e i nomi delle piante grasse più comuni, per poter avere un’idea delle proprie preferenze e iniziare a coltivarne alcune? Ecco l’elenco con le specie più interessanti da conoscere e coltivare.

Tutti i tipi di piante grasse: l’elenco con i nomi principali

Rosa del deserto (Adenium obesum), della famiglia delle Apocinacae.

Si tratta di una pianta grassa tropicale, caratterizzata da dei bellissimi fiori fucsia e dalle dimensioni contenute, simili a quelle di un bonsai.

Rosa del deserto
Rosa del deserto

Spina Christi (Euphorbia milii), della famiglia delle Euphorbiaceae.

Si tratta di una pianta grasse con molte spine (come dice anche il nome), ma anche con molte foglie. I fiori crescono solo sulla sommità, mentre il corpo cresce prettamente in altezza.

Orecchie d’elefante (Kalanchoe beharensis), della famiglia delle Crassulaceae.

Questo tipi di succulenta ha diverse varianti per quanto riguarda l’aspetto, ma è molto richiesta ed è sicuramente una delle piante grasse da appartamento più utilizzare e coltivate.

Cactus o Albero del deserto (Trichocereus smirthianum), della famiglia delle Cactaceae Ancor.

Si tratta della pianta grassa più comune, che si può tenere all’aperto e che necessita di pochissime cure. Come tutte le succulente ha molte spine, a cui bisogna fare molta attenzione.

Pianta grassa
Cactus

Cactus di Pasqua (Rhipsalidopsis gaertnerii), della famiglia delle Cactaceae.

Per le piante da balcone, il cactus di Pasqua può essere un’idea niente male, anche se lo si vuole regalare a qualcuno. Le sue caratteristiche sono i rami molli e i bellissimi fiori che spuntano, dandole un’aria di grande eleganza.

Cactus di Natale (Schlumbergera ibrido), della famiglia delle Cactaceae.

Come nel caso del cactus di Pasqua, anche il cactus di Natale è caratterizzato da rami molli e da bei fiori. Si dice di Natale perché i fiori spuntano tra dicembre e gennaio. Anche questa è ottima da tenere in casa, ed esporla alla luce in inverno.

Cactus di Natale
Cactus di Natale

Piante grasse: i tipi più belli da coltivare

Testa di vecchio (Cephalolocereus senilis), della famiglia delle Cactaceae.

Tra le piante grasse più particolari e più caratteristiche c’è sicuramente la testa di vecchio, chiamata così per via della superficie bianca che ricopre la pianta che sembra come dei capelli bianchi di una persona anziana.

Coda di volpe (Aporocactus flagelliformis), della famiglia Cactaceae.

Come pianta da interno può farvi fare un figurone! La coda di volpe ha la particolarità di essere pendente e dà il meglio di sé quando fiorisce (provare per credere).

Coda di volpe
Coda di volpe

Berretta del vescovo (Astrophitum myriostigma ornatum), della famiglia delle Cactaceae.

Ha una forma molto particolare, che ricorda un globo. Questo particolare tipo di cactus, quando fiorisce (sebbene in poche occasioni) ha un fiore molto bello sulla sommità, che dura pochissimo tempo (4 o 5 giorni).

Porcellana (Portulaca grandiflora), della famiglia delle Portulacaceae.

Una pianta da esterno molto richiesta, sebbene non sia del tutto grassa, ma viene fatta rientrare nella categoria per via delle sue foglie carnose. D’estate mostra tutta la sua bellezza grazie a dei fiori gialli che spuntano.

Portulaca comune
Portulaca comune

Ragnatela (Sempervivum arachnoideum), della famiglia delle Crassulaceae.

Si tratta di una delle piante grasse più amate: grazie alla sua forma ornamentale viene scelta da molti per decorare la propria casa, anche perché necessita di poca cura.

Fico d’India (Opuntia ficus-indica), della famiglia delle Cactaceae.

Sebbene provenga dal Sud America, il fico d’India si può trovare anche nelle zone del Mar Mediterraneo, ed è particolare perché sul di esso crescono dei frutti molto buoni.

Fico d'India
Fico d’India

Frailea, della famiglia delle Cactaceae.

Anche questa è una pianta grassa molto bella da coltivare e avere. In genere viene tenuta in casa ed è altamente ornamentale.

Poltrona della suocera (Echinocactus grusonii), della famiglia delle Cactaceae.

Si tratta di una pianta che cresce molto in larghezza e ha la superficie completamente piena di spine. Si chiama così perché potenzialmente si può fare sedere qualcuno che non ci va particolarmente a genio (anche se chiaramente non si fa). Ha bisogno di poche cure, e dopo diversi anni fiorisce.

Cuscino della suocera
Cuscino della suocera

Chi è l’ospite e cosa significa effettivamente?

Tutti pazzi per la (bellissima) cameretta di Leone Lucia Ferragni