Perché Burberry ha bruciato i suoi prodotti da 31 milioni di euro

La casa di moda britannica Burberry ha incendiato il magazzino contenente prodotti invenduti da oltre 30 milioni di euro. Ecco qual è stato il motivo…

Burberry nuovamente sotto accusa: la nota azienda britannica ha deciso di dare fuoco a tutti i suoi prodotti non venduti per un preciso motivo. La scelta, infatti, è stata presa per tutelare la proprietà intellettuale delle loro creazioni ed evitare, quindi, la contraffazione dei prodotti. Ben 31 milioni di euro sono stati bruciati senza pensarci due volte: un’azione che ha suscitato molto scalpore sul web e tra gli ambientalisti. Eppure, la casa di moda celebre per il trench, non sarebbe l’unica a seguire questa pratica…

Perché Burberry ha bruciato il magazzino?

burberry
Fonte foto: https://pixabay.com/it/intervista-stile-di-vita-2211354/

Oltre ad aver mandato in fumo un guadagno così alto, Burberry ha ricevuto molto critiche circa sulle conseguenze ambientali e sullo spreco originato. Eppure è una prassi che molte case di moda seguirebbero per evitare che i loro prodotti vengano rubati e rivenduti a basso prezzo. Una di queste è proprio H&M che ha dichiarato apertamente di bruciare i prodotti mai venduti depositati all’interno del loro magazzino.

Dopo aver ricevuto numerose accuse, Burberry ha deciso di rispondere con il seguente comunicato: “Burberry è impegnata a ridurre al minimo la quantità di eccedenza prodotta. Nei casi in cui è necessario lo smaltimento dei prodotti, lo facciamo in maniera responsabile e continuiamo a cercare modi per ridurre e riciclare i nostri rifiuti.

Questo aspetto rappresenta una parte fondamentale della nostra strategia di responsabilità ambientale fino al 2022 e, al riguardo, abbiamo stretto collaborazioni a sostegno di organizzazioni innovative per contribuire a raggiungere questo obiettivo, come la partnership siglata con ‘Make Fashion Circular Initiative’ della Fondazione Ellen MacArthur, in cui ci uniamo ad altre player del settore per realizzare un’economia circolare della moda”.

Con la speranza che in futuro questa pratica possa essere sostituita da altri rimedi ecologici e umani, senza rischiare di inquinare l’ambiente e buttare all’aria un guadagno dalle cifre alte!

Fonte foto: https://pixabay.com/it/intervista-stile-di-vita-2211354/

ultimo aggiornamento: 03-08-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X