Che cos’è il parto olistico? Scopriamo in cosa consiste una delle modalità di parto tra le meno conosciute.

Con il parto olistico si associa alla medicina tradizionale un approccio non canonico che si prefigge l’obiettivo di alleviare la sensazione dolorosa del parto. Vediamo in che cosa consiste e quali altri metodi stanno emergendo accanto alle modalità tradizionali del parto.

Parto olistico: cosa vuol dire

Accanto alle tecniche di digitopressione e al parto in acqua, il parto olistico consiste nell’adottare delle tecniche che rendano la sala parto un ambiente più rilassato e adatto a partorire in tranquillità. Questo approccio olistico prevede di utilizzare una sorta di diffusore che stimola i sensi e si pone l’obiettivo di indurre il rilassamento della futura mamma.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Travaglio
Travaglio

È coinvolta la sfera dell’aromoterapia con oli essenziali e piante scelte appositamente per indurre il rilassamento. Il diffusore produce anche colori e musica, basandosi sui benefici offerti dalla musicoterapia.

Parto olistico in Italia

Nel nostro paese qualche anno fa questo genere di parto veniva praticato nell’ospedale di Bibbiena ad Arezzo. Tuttavia dal 2016 il punto nascite del comune del Casentino è stato chiuso e non è ancora stata predisposta la riapertura.

Affrontare il parto senza dolore

Il parto è uno dei momenti che segna indelebilmente la vita di una donna, spesso il sopraggiungere del momento del parto è vissuto con molta apprensione specie per la paura del dolore durante il parto. È per questo che sempre più spesso sentiamo parlare di nuove tecniche di parto che possono rendere più sereno questo momento e che promettono un parto indolore.

Donna gravidanza in vasca di deprivazione sensoriale
Donna gravidanza in vasca di deprivazione sensoriale

Di recente sta prendendo piede la pratica dell’hypnobirthing che grazie a delle specifiche tecniche di respirazione e rilassamento aiuta ad affrontare il parto con una maggiore tranquillità. D’altra parte non è una novità il fatto che l’ansia o uno stato emotivo condizionato da un forte stress sia in grado di aumentare notevolmente l’intensità del dolore percepito. Anche il parto in acqua è una modalità che ha come obiettivo principale quello di alleviare le difficoltà del travaglio puntando sul rilassamento dei muscoli e sulla riduzione del dolore provocato dalle contrazioni.


Cosa provoca la cistite nei bambini e come si manifesta?

Pannolini ecologici: l’alternativa che salvaguarda l’ambiente