Vale la pena scegliere i pannolini ecologici? Vediamo da quali materiali sono composti e quali sono le loro principali caratteristiche.

Le mamme di oggi stanno sempre più abbandonando i classici pannolini per abbracciare una scelta più consapevole nei confronti dell’ambiente. Sono nati così i pannolini ecologici realizzati in fibre naturali. Questo genere di pannolini pur mantenendo le caratteristiche usa e getta di quelli tradizionali, permettono di ridurre notevolmente l’impatto sull’ambiente. Vediamo quali sono le soluzioni più ecologiche tra due grandi alternative: i pannolini lavabili e i pannolini naturali usa e getta biodegradabili.

Pannolini ecologici: una soluzione per l’ambiente

Dalla nascita fino al compimento dei 3 anni di età un bimbo arriva a consumare fino a 5mila pannolini. Questa quantità considerevole si traduce in una notevole produzione di rifiuti e in un problema da non sottovalutare in termini di impatto ambientale. Per questo motivo accanto ai pannolini tradizionali stanno nascendo delle alternative più ecologiche per il rispetto del pianeta.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Pannolini
Fonte: https://www.pexels.com/it-it/foto/carino-shopping-business-bambini-6849259/

Da un lato abbiamo i pannolini lavabili che si ispirano ai pannolini utilizzati anticamente dalle nonne quando i prodotti usa e getta erano ancora un’utopia. Ma ora che questi stessi prodotti usa e getta si stanno trasformando in un problema ambientale, i pannolini lavabili sono davvero un toccasana per l’ambiente. C’è anche chi ha pensato di rivoluzionare il concetto dell’usa e getta, introducendo però i pannolini biodegradabili, vediamo di cosa si tratta.

Pannolino ecologico: le caratteristiche

I pannolini tradizionali non sono ricliclabili e hanno tempi di smaltimento di circa 500 anni. Un’alternativa valida è data dai pannolini eco che sostituiscono la plastica con il Mater-bi una sostanza che può essere sottoposta al compostaggio e rende quindi i pannolini biodegradabili.

I pannolini bio, inoltre, non utilizzano il cloro o altri sbiancanti comunemente utilizzati nei pannolini tradizionali. La porzione assorbente del pannolino, anziché essere in polyacrilato, come spesso accade, è realizzata in cellulosa e proviene da fonti sostenibili. Nel rivestimento esterno la plastica viene sostituita da bioplastiche di origine vegetale (estratta ad esempio dal mais). Anche la confezione stessa dei pannolini ecologici è biodegradabile anziché essere in plastica.


Cos’è il parto olistico e come avviene

Tutto quello che c’è da sapere sullo svezzamento naturale