Il Palio di Siena si avvicina e le Contrade attirano parecchie curiosità: vediamo gli schieramenti della città e il loro ‘statuto’ interno.

Quali sono le Contrade che si sfidano al Palio di Siena? Al torneo partecipano soltanto dieci fazioni, ma in totale sono 17. Anche se a qualcuno può sembrare assurdo, ogni Contrada ha una specie di vita a sé, con punti di ritrovo e di socialità esclusivi. Vediamo i nomi dei gruppi e quali sono i loro meccanismi interni.

Palio di Siena: quali sono le Contrade della città?

Il Palio di Siena sta per entrare nel vivo e a breve si svolgerà la prima delle due tradizionali corse di cavalli. A sfidarsi saranno dieci contrade, anche se in città ce ne sono ben 17. I gruppi che partecipano al torneo vengono scelti con un’estrazione, qualche mese prima della giostra. Rievocazione storica a parte, le Contrade della cittadina toscana sono:

  • Aquila
  • Bruco
  • Chiocciola
  • Civetta
  • Drago
  • Giraffa
  • Istrice
  • Leocorno
  • Lupa
  • Nicchio
  • Oca
  • Onda
  • Pantera
  • Selva
  • Tartuca
  • Torre
  • Valdimontone.

Alcune di loro sono rivali, con dissapori che affondano le radici nella notte dei tempi. Le Contrade che non hanno alcun rapporto di amicizia e solidarietà sono: Aquila / Pantera, Chiocciola / Tartuca, Civetta / Liocorno, Istrice / Lupa, Nicchio / Valdimontone e Oca, Onda / Torre. A non avere nemici, invece, sono: Bruco, Drago, Giraffa e Selva.

Palio di Siena: alla Contrada si appartiene per nascita

Ogni Contrada è gestita dal Capitano, che si occupa di tutto ciò che riguarda il Palio, e dal Priore, a cui spetta il controllo e la gestione delle varie attività che si svolgono durante l’anno. Queste figure, importantissime per ogni fazione, vengono elette ogni 2/3 anni dagli abitanti della Contrada, definiti contradaioli. Come si entra a far parte di un gruppo? Semplice, per nascita, con tanto di battesimo presso la fontana della Contrada di riferimento. Ogni fazione possiede una sede, un museo, una chiesa e un centro sociale. Adulti e bambini si allenano costantemente durante l’anno per diventare perfetti sbandieratori, tamburini o trombettieri. Le Contrade, quindi, vanno immaginate come piccole città all’interno della città stessa.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-06-2022


Cosa significa grooming?

Blinkoo: l’app dedicata ai viaggiatori è destinata a diventare un must-have