Scopriamo ogni quanto tempo è necessario fare una maschera con punta di diamante esfoliante

Le maschere esfolianti servono a eliminare la pelle morta.

In commercio ve ne sono di tutti i tipi e l’ultima novità in questo campo è la maschera con punta di diamante formata da silicio, argilla verde e bianca, pumice e sabbia marina.

Siccome questo tipo di maschere devono grattare via la pelle morta, il loro uso è raccomandabile massimo due volte a settimana a una distanza di minimo 5 giorni tra un’applicazione e l’altra. Questi tempi “lunghi” servono a non aggredire troppo la pelle che potrebbe irritarsi dopo un’applicazione di una maschera così aggressiva.

Anche nell’applicazione di questo tipo di maschera bisogna fare attenzione a evitare i punti sensibili del proprio viso (palpebre e contorno occhi) concentrandosi su fronte, guance, naso e collo.

Dopo aver tenuto la maschera per 10 minuti, sciacquate il viso con abbondante acqua tiepida e, se necessario, applicate un tonico per rinfrescare la vostra pelle.

Fate infine attenzione a eventuali effetti collaterali: se infatti, una volta applicata la maschera, doveste avvertire prurito o bruciori anomali, sciacquatevi immediatamente il viso con acqua fresca ed evitate una futura applicazione di questo tipo di maschera.


Quanto costa rifarsi le labbra con acido ialuronico

Come pettinare la frangia mossa