Niccolò Bettarini: chiesta la scarcerazione di uno degli aggressori

Stando a quanto affermato dai legali dell’aggressore di Niccolò Bettarini, Albano Jakej, il ragazzo non aveva intenzione di ucciderlo.

Albano Jakej avrebbe solamente preso parte ad una rissa, e non sarebbe stato nei suoi piani uccidere Niccolò Bettarini, che lo scorso 1° luglio lasciò l’Old Fashion di Milano in ambulanza, riportando gravi ferite da arma da taglio. I legali hanno chiesto la scarcerazione del 23enne, uno solo dei quattro fermati per il tentato omicidio del giovane figlio di Simona Ventura.

Niccolò Bettarini: le parole dei legali dopo l’aggressione

Stando a quanto affermato dai legali di Albano Jakej, il giovane italiano di origine albanese che sarebbe in stato di fermo per l’aggressione subita da Niccolò Bettarini lo scorso 1° luglio, il giovane non avrebbe preso parte alla rissa con l’intenzione di uccidere e per questo è stato chiesto l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti.

Niccolò Bettarini è stato operato dopo aver riportato almeno 8 ferite alla mano. “Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita”, aveva scritto su Instagram l’indomani dall’aggressione.

Niccolò Bettarini
Fonte Foto: https://www.instagram.com/mr_bettarini/?hl=it

Niccolò Bettarini: cosa è successo la sera della rissa

Secondo i legali di Albano Jakej le dichiarazioni del giovane figlio di Simona Ventura, della sua fidanzata e dei suoi amici sarebbero contraddittorie specialmente nella parte precedente a quella dell’aggressione. Bettarini, infatti, secondo i difensori, avrebbe raccontato di essersi avvicinato al gruppo di persone solo nel momento in cui la sua fidanzata lo avrebbe avvisato che il suo amico stesse litigando con loro.

Viceversa l’amico non avrebbe menzionato alcuna lite antecedente la rissa. Grande scalpore aveva fatto la frase rivelata da Niccolò Bettarini (“Sei il figlio di Bettarini, ti ammazziamo”), riportata solo da lui e dalla fidanzata, ma non dagli altri testimoni secondo i legali dell’aggressore.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/mr_bettarini/?hl=it

ultimo aggiornamento: 25-07-2018

Alice Antonucci

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X