Musica dona piacere come il sesso e il cibo

La musica dona piacere, fa condividere emozioni e stimola i ricordi grazie a meccanismi complessi e sorprendenti.

chiudi

Caricamento Player...

Il neurologo Facundo Manes e il suo team di scienziati si sono chiesti quali effetti avesse la musica sul nostro cervello ed ecco che cos’hanno scoperto: sul El Paìs il medico ha rivelato i legami  che esistono tra melodia e movimento paragonando gli effetti delle note musicali sul nostro cervello a quelli di cibo, sesso e droghe. Il neurologo ha scoperto che il rilascio di dopamina cresce soprattutto nel periodo delle feste natalizie grazie anche alla felicità nell’incontrare i propri famigliari, all’attesa dei regali e molti altri fattori che rendono questo periodo così magico. Robert Zatorre, uno dei fondatori del canadese laboratorio di ricerca Brain, Music and Sound, ha studiato i meccanismi neuronali di percezione della musica e ha scoperto che dal momento in cui i suoni vengono percepiti del nostro timpano vengono trasmessi al tronco cerebrale prima e alla corteccia uditiva primaria poi; gli impulsi viaggiano quindi in reti cerebrali importanti per la percepire la musica e per immagazzinare quella già ascoltata. La risposta cerebrale ai suoni è infatti condizionata dai suoi uditi in passato, in quanto nel cervello sono contenuti i dati relativi a tutte le melodie.

Tutti abbiamo ascoltato musica fin da quando siamo venuti al mondo

E’ risaputo che i lattanti rispondono meglio ai suoni piuttosto che al linguaggio verbale: i bebè nati prematuri che soffrono di insonnia traggono benefici dal rumore del battito del cuore materno o dai suoni che lo imitano.

Come dicevamo, la musica è in grado di darci piacere. Al pari di cibo, sesso e droghe, rilascia dopamina nel cervello.

Gli stimoli dovuti a questi quattro elementi dipendono da un circuito cerebrale sottocorticale nel sistema limbico, formato da strutture cerebrali che gestiscono le risposte fisiologiche agli stimoli emotivi.

L’aspetto curioso è che da studi scientifici pare che gli stimoli emotivi legati a musica, cibo, sesso e droghe attivino tutti un sistema in comune.