Da cosa dipende il mughetto nel neonato e perché è così frequente? Vediamo da quali sintomi è caratterizzato e come si fa ad alleviare il disturbo.

Il mughetto nel neonato è una manifestazione che colpisce la bocca ed è scatenata da un’infezione da parte di un fungo, Candida albicans. Proprio per questa ragione si sente spesso parlare di questo disturbo come di candidosi orale. L’infezione tende a colpire più spesso bambini e neonati, nel caso di bambini spesso le infezioni si verificano in seguito a terapia antibiotica. Vediamo da cosa deriva il mughetto nei bambini e nei neonati e quali sono i sintomi caratteristici del disturbo.

Mughetto nei neonati e nei bambini: perché è frequente?

Nei bambini la comparsa del mughetto si verifica soprattutto dopo il trattamento prolungato con antibiotici. In particolare quando si utilizzano quelli ad ampio spettro, vale a dire efficaci verso una fetta più ampia di microrganismi rispetto agli antibiotici specifici. Gli antibiotici, infatti, vanno a ridurre la flora batterica del cavo orale e di conseguenza danno via libera alla proliferazione dei funghi.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Bambino con lingua bianca
Bambino con lingua bianca

Il mughetto nei neonati tende a manifestarsi piuttosto di frequente perché il sistema immunitario durante i primi mesi di vita non riesce ancora a funzionare a pieno regime. Nello specifico la frequenza della sua comparsa aumenta nei nati pretermine, anche se si verifica comunemente in tutti i neonati.

Mughetto nel neonato: i sintomi

La presenza del mughetto nella bocca del neonato si riconosce per via della comparsa di una patina biancastra che può ricoprire sia la lingua che le mucose della bocca. Osservando la mucosa sottostante si può vedere un forte arrossamento e in alcuni casi anche la tendenza a sanguinare. Oltre a questa manifestazione più evidente, altri sintomi connessi possono essere la perdita di appetito, talvolta dovuta anche alle difficoltà a deglutire.

Mughetto e Candida nei neonati: cosa fare

Per il trattamento si dovrà ricorrere a collutori o farmaci in base all’entità stessa dell’infezione, in genere in poche settimane il disturbo tende a scomparire. In ogni caso però è importante anche adottare delle buone abitudini come sterilizzare i ciucci dopo ogni uso. I lavaggi con acqua e bicarbonato possono aiutare a detergere la bocca del neonato dopo la poppata, è importante però utilizzare garze sterili e lavarsi accuratamente le mani prima della poppata.


Quali sono i sintomi di appendicite nei bambini?

Come si riconosce una gravidanza extrauterina dai sintomi?