Per molti bambini il ciuccio è sinonimo di tranquillità, per le mamme, invece, può divenire fonte di dubbi: quando iniziare e come usarlo nel modo giusto?

Quando si parla di dare il ciuccio al neonato nasce sempre molta confusione, c’è chi ne consiglia l’uso e chi invece non lo vede come uno strumento adatto. Cerchiamo quindi, di fare un po’ di chiarezza sul tema. Per chi diventa mamma per la prima volta, non è semplice dover gestire il neonato, specialmente, quando tutti vogliono offrire i loro consigli, viene spesso da chiedersi a chi dare ascolto.

Partiamo subito col dire che, come suggerisce lo stesso ministero della Salute, l’utilizzo del ciuccio non è sconsigliato. Ci sono però delle accortezze da prestare per far sì che quella del cuccio non si trasformi in un’abitudine dannosa. Inoltre, non tutti i bambini saranno avvezzi al suo utilizzo, per cui non bisogna preoccuparsi né forzare quei neonati che rifiuteranno il ciuccio.

Ciuccio del neonato: quando iniziare?

La prima domanda che sorge in merito all’uso del ciuccio è sicuramente quando bisogna iniziare a darlo al neonato. Nel caso in cui la mamma allatti al seno, si consiglia di aspettare almeno 15 giorni o un mese dopo la nascita del neonato prima di provare a dargli il succhiotto.

Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/amore-persone-donna-bacio-3845407/

Usare il ciuccio fin dai primi giorni, infatti, potrebbe far sì che il bimbo tenda ad attaccarsi meno al seno, e di conseguenza anche la produzione del latte materno sarà inferiore.

Se il bimbo accetta il succhiotto e si abitua ad usarlo con tranquillità, si potrà continuare a darglielo, ricordandosi però di cambiare il ciuccio in base all’età. Man mano che il bambino cresce, infatti, anche il ciuccio dovrà essere cambiato per adattarsi meglio a lui.

Utilizzo del ciuccio: cosa fare e cosa evitare

Esistono dei ciucci appositi e indicati per i primi mesi di vita che non interferiscono con l’allattamento del neonato. Come abbiamo visto, infatti, nel caso di allattamento al seno, si potrà utilizzare il succhiotto senza problemi dopo che il bambino si sarà ormai abituato alla suzione.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/baby-angelo-ciuccio-bambino-215298/

In ogni caso bisogna ricordarsi di pulire accuratamente e spesso il ciucciotto, soprattutto nei primi mesi di vita. Infatti, quando il neonato segue una dieta solo a base di latte, anche in caso di allattamento misto o artificiale, sarà importante sterilizzarlo.

Il ciuccio in silicone potrà essere sterilizzato semplicemente immergendolo in acqua bollente per circa minuti. In seguito, quando crescendo il bimbo inizierà a portare tutto alla bocca, si potrà mantenere pulito il succhiotto senza però doverlo, però, sterilizzare con la stessa frequenza.

Ricordiamoci, però, che il bimbo non dovrebbe usare il ciuccio per molte ore di seguito durante la giornata per non rischiare dei problemi allo sviluppo del palato. Per questo motivo, la cosa migliore è di evitarne un uso prolungato e limitarlo, invece, solo ai momenti per così dire di crisi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Cos’è la beta hcg e qual è il suo significato in gravidanza

Da cosa è causata la dermatite atopica nei bambini e quali sono i rimedi possibili?