Mistero Adventure, dove inviare delle segnalazioni

Vuoi inviare una segnalazione o un video alla redazione di Mistero Adventure? Scopri come fare per diventare anche tu protagonista su Italia 1

chiudi

Caricamento Player...

Ritorna Mistero Adventure! La popolare trasmissione dedicata ai fenomeni paranormali è tornata in prima serata su Italia 1. Non solo ufo e navicelle, ma anche misteri, leggende e storie sono i temi trattati durante le varie puntate del programma di intrattenimento divenuto un vero e proprio cult.

Mistero Adventure: di cosa parla

Mistero Adventure prende il suo nome da una popolare canzone di Enrico Ruggeri. Il cantautore, infatti, è stato anche il primo conduttore dell’adventure show di Italia 1 andato in onda nell’estate 2009. Da allora la trasmissione è stata sempre trasmessa su Italia fatta eccezione per il 2005, anno della scomparsa del suo ideatore e produttore Claudio Cavalli. Inizialmente la trasmissione si chiamava semplicemente Mistero, mentre ora è diventata Mistero Adventure. Diversi i temi trattati durante le varie edizioni e puntate: immancabile la storia degli Alieni, avvistamenti ufo, vampiri, nostradamus, cavalieri templari, sonnambulismo e tanti altri. Una sorta di finestra sul mondo del paranormale, ma anche su temi scomodi che non trovano facilmente spazio nel tubo catodico.

Come inviare il tuo video

La particolarità di Mistero è la possibilità di partecipare al programma in prima persona inviando una propria segnalazione. Come farlo? E’ davvero semplice! Se anche tu sei un appassionato di ufo o fenomeni paranormali e hai assistito a qualcosa di veramente speciale e misterioso non devi fare altro che inviare una segnalazione collegandoti al seguente link. Se per caso hai visto un fantasma ed hai prontamente ripreso il tutto con il tuo smarthphone allora invia immediatamente il tutto alla redazione di Mistero Adventure. Il tuo video potrebbe essere uno di quelli trasmessi in prima serata durante una delle puntate della nuova edizione del popolare adventure – show di Italia 1!

(fonte foto: Facebook)