Beauty trend Primavera Estate 2018: le anticipazioni dalla Milano Fashion Week

Vediamo quali sono le tendenze più belle per trucco e capelli, dalle sfilate della Milano Fashion Week Primavera Estate 2018.

chiudi

Caricamento Player...

Il freddo è appena iniziato, ma sulle passerelle della Milano Fashion Week abbiamo già potuto ammirare le tendenze per la prossima Primavera Estate 2018, non solo per quanto riguarda l’abbigliamento, ma anche per la bellezza.

Vediamo insieme come ci truccheremo e pettineremo quando tornerà il caldo, ispirandoci alle modelle che hanno sfilato in passerella.

Milano Fashion Week PE 2018: tendenze trucco

Milano Fashion Week
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/p/BZTggSXH_pB/?taken-by=maxmara

Alcune delle tendenze make-up della settimana della moda milanese non sono una novità, le abbiamo già viste alla London e alla New York Fashion Week. Una di queste è il make-up no make-up, ovvero il trucco effetto nude, con una base viso leggera e impeccabile, ravvivato solo da un rossetto brillante.

Max Mara ha scelto il rosso corallo opaco, da stendere con un pennello. Sugli occhi, solo un velo di ombretto grigio sulla palpebra mobile. Nessun tipo di contouring o illuminante.

Gucci, Alberta Ferretti e molti altri, invece, hanno preferito un trucco occhi molto più vistoso, con colori brillanti come l’azzurro, il viola, il giallo, con i quali realizzare degli smokey eyes, impreziositi da una cascata di glitter. Per quanto riguarda le labbra, ad eccezione di Max Mara, c’è stato il grande ritorno del rossetto lucido, rosso o rosa, molto fresco.

Milano Fashion Week PE 2018: tendenze capelli

Milano Fashion Week 2018 tendenze capelli
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/p/BZRNrwcDXRy/?taken-by=albertaferretti

Trend diametralmente opposti anche sul fronte capelli. Soprattutto da Gucci, hanno dominato le chiome ricce o mosse, cotonate, con ciuffi anni ’80 e bandane.

Max Mara ha preferito capelli lisci, raccolti in pettinature semplicissime e ordinate. Alberta Ferretti ha optato per capelli raccolti, ma con ciuffi ribelli ed effetto bagnato.

In generale c’è stata una prevalenza di tagli lunghi e scalati, spesso legati in chignon e code basse, oltre a caschetti corti lisci, pari e simmetrici.

FONTE FOTO: https://www.instagram.com/p/BZTggSXH_pB/?taken-by=maxmara