Mi chiamo Francesco Totti ripercorre la storia e la carriera dell’ex numero 10 della Roma e della Nazionale: tutto quello che c’è da sapere.

Quando si pensa a Francesco Totti vengono subito in mente la Roma, il cucchiaio, l’esultanza con il dito in bocca ma anche la lunga e bella storia d’amore con Ilary Biasi. E se siete tifosi della Roma i ricordi che balzano subito alla mente sono anche di più. Ricordi che diventano imagini in Mi chiamo Francesco Totti, il film documentario sull’ex calciatore giallorosso e della Nazionale diretto da Alex Infascelli. Non è un documentario come gli altri, non è una voce fuori campo a commentare le gesta del campione: è Totti a raccontare Totti, il Pupone che rivede la propria carriera e la narra con il suo accento romano, le sue battute, gli aneddoti e molto altro.

Mi chiamo Francesco Totti: dove vederlo

Lunedì 16 novembre Mi chiamo Francesco Totti è stato trasmesso in anteprima in prima serata su Sky Cinema Uno e su Sky Sport Serie A, ma chi se lo fosse perso e desidera recuperare può farlo: il film è infatti disponibile sulla piattaforma on line di Sky.

FRANCESCO TOTTI
FRANCESCO TOTTI

Ma non solo: il documentario, della durata di 1 ora e 45 minuti, diretto da Alex Infrascelli è disponibile anche su Amazon Prime Video. Il film è prodotto da The Apartment e Wildside, con Capri Entertainment e Fremantle, con Vision Distribution e Rai Cinema, in collaborazione con Sky e Amazon Prime Video.

Francesco Totti: il film e la serie TV

Mi chiamo Francesco Totti non è l’unica opera cinematografica dedicata all’ex calciatore della Roma, nel 2021 arriverà infatti su Sky anche la serie TV Un capitano.

A interpretare il ruolo del Pupone nella serie TV è Pietro Castellitto, mentre Greta Scarano veste i panni della moglie del calciatore, la presentatrice Ilary Biasi.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Hold Up spopola in Francia: è il film negazionista sul Covid che piace anche a Sophie Marceau

Ambrogino d’Oro 2020: premiati Fedez, Chiara Ferragni e Fabio Concato