Lingua bianchissima: cause comuni e rimedi naturali

Lingua bianchissima, devo preoccuparmi? Ecco cause e rimedi

Lingua bianchissima: da cosa è causata? Scopriamo di più – e come trattarla con i rimedi naturali della nonna.

Se la vostra lingua è diventata bianchissima è molto probabile che si tratti di un’infezione dovuta da funghi o batteri. Una cattiva igiene orale o un abuso di farmaci possono infatti causare un abbassamento delle difese immunitarie, di conseguenza la lingua si ricopre di una patina bianca che può variare di intensità.

Per tornare ad avere la lingua del suo colore naturale potete ricorrere ai classici rimedi naturali della nonna. Dei gargarismi al limone o al bicarbonato sono ideali non solo per debellare l’infezione, ma anche per prevenirla. Vediamo, dunque, quali sono le cause più comuni che portano ad avere la lingua bianchissima e i migliori rimedi fai da te per un pronto intervento!

Lingua bianchissima: cause

• Nella maggior parte dei casi la lingua bianca è dovuta a un’infezione batterica. Questa situazione può essere la conseguenza di un abuso di farmaci, oppure di un ristagno di cibo. Non trascurate l’igiene orale perché è il primo metodo di prevenzione.

• La lingua bianca nei bambini è molto comune e spesso di tratta di un’infezione fungina, chiamata mughetto. Non è niente di grave, ma è necessario rivolgersi al medico per il trattamento.

• Anche nei casi di disidratazione e salivazione insufficiente si forma una patina bianca sulla bocca. Bevete dunque tanta acqua per stimolare la salivazione.

• Molte volte si tratta di carenze nutrizionali causate da un abuso di zuccheri o carenza di vitamine. Aumentate le porzioni di frutta e verdura e cercate di mantenere ottimali i livelli di sali minerali.

Come pulire la lingua con i rimedi della nonna

Un ottimo rimedio naturale è il limone. Grazie all’azione disinfettante riesce a tenere lontani germi e batteri. Potete usarlo facendo degli sciacqui due volte al giorno. Non esagerate con i trattamenti, altrimenti rischiate di rovinare lo smalto dei denti.

Da provare anche l’aloe vera dalle rinomate proprietà disinfettanti e antibatteriche. Usate il succo puro per fare dei gargarismi oppure strofinatelo direttamente sulla lingua. Abbiate cura di sciacquare per bene la bocca dopo aver usato l’aloe.

A dir poco straordinario anche l’aceto di mele grazie ai suoi composti acidi, come l’acido acetico. Fare degli sciacqui con acqua e aceto aiuta a ridurre la presenza di germi e batteri nella bocca che hanno causato la gengivite. Utile sia per placare l’infiammazione che come metodo di prevenzione.

ultimo aggiornamento: 06-07-2019

X