L’incredibile passato di Irina Shayk: discriminata perchè povera

Bellissima e invidiata da molti, ma Irina Shayk non ha avuto sempre vita facile, anzi, la sua infanzia e la sua giovinezza sono state abbastanza dure

chiudi

Caricamento Player...

Discriminazioni e difficoltà, è questo il passato travagliato di Irina Shayk, a svelarlo è il Dily Mail che ha scavato nel passato della bellissima top model, ora contesa tra i maggiori stilisti di lusso.

Leggi anche: Irina Shayk smaschera i tradimenti di Cristiano Ronaldo

Irina Valer’evna Shaykhlislamova, questo il nome completo di Irina Shayk, è nata nel 1986 a Yemanzhelinsk, nella regione dei monti urali, una desolata cittadina mineraria distrutta dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Irina Shayk è così cresciuta nella povertà con la nonna Galina che è stata il suo vero esempio di vita e ispiratrice di forza, dato che suo padre morì di una malattia polmonare quando lei aveva solo 14 anni. La modella ha ricordato quei tempi in una recente intervista.

“Eravamo molto poveri. Dopo la scuola io e mia sorella aiutavamo nostra mamma nell’orto. Coltivavamo patate, cocomeri, pomorodi, non per divertirsi, ma per mangiare. All’epoca volevo diventare giornalista, ma non importava cosa immaginavo di diventare: tutto quello che volevo era lasciare la mia città natale. Sentivo che era quello il mio destino.”

Fa sorridere il racconto di un’amica di infanzia di Irina Shayk, le due erano compagne di scuola:

“Non posso dire che fosse una bellezza. Per me, sembrava troppo alta, le sue gambe erano troppo magre e allampanate e la sua pelle era scura. Però era sempre gentile e sorridente.”

Ma come ci è arrivata Irina nel mondo dell’alta moda? Un giorno sua madre portò la sorella maggiore Tatiana alla scuola per estetiste e vicino c’era un’agenzia di modelle dove Irina venne subito notata. Iniziò a vincere concorsi di bellezza dal 2004 e fu presto catapultata tra una sfilata e l’altra.

Ma le difficoltà non finiscono: Irina trasferita in America per lavoro, ma la sua Visa viene bloccata per un anno per questioni di sicurezza. Il cognome della modella era infatti, riconducibile all’etnia Tatar di russi musulmani, considerati pericolosi per gli Usa.

Ora Irina Shayk ha vinto tutte le difficoltà e si gode la gloria, alla faccia di chi la discriminava.