I lavori a teatro di Lola Ponce: Notre Dame e i Promessi Sposi

A teatro Lola Ponce ha dato voce alla zingara Esmeralda nel musical Notre Dame de Paris e alla monaca di Monza nei Promessi Sposi

chiudi

Caricamento Player...

Oltre alla musica e alla tv, Lola Ponce si è fatta strada con successo anche in teatro partecipando ad opere e musical dove ha mostrato ancora una volta il suo spiccato talento. Artista a 360 gradi, la bellissima argentina ha dato voce e sembianze a due personaggi molto famosi nell’immaginario collettivo. Il primo è quello di Esmeralda, la zingara protagonista del romanzo “Notre Dame de Paris” di Victor Hugo ri-addatato in un’opera musicale scritta da Luc Plamandon e musicata da Riccardo Cocciante. Il secondo è la monaca di Monza, personaggio di spicco del celebre romanzo “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni portato in scena sui palcoscenici italiani per la prima volta nel 2010 in una chiave inedita e moderna.

Lola Ponce, il ruolo di Esmeralda in Notre Dame de Paris

Dopo il successo travolgente riscosso in Francia, la versione italiana di Notre Dame de Paris (con i testi scritti da Pasquale Pannella) arriva a teatro nel 2002 a Roma. Lola Ponce riveste i panni della zingara Esmeralda,  mentre Giò Di Tonno quelli del gobbo Quasimodo. Tra due si instaura subito un rapporto di grande complicità. L’opera conquista i teatri con tantissime repliche, più di due milioni di telespettatori ed una diretta dall’Arena di Verona trasmessa su Raiuno. Si vocifera nei teatri di tutto il mondo abbia raggiunto 15 milioni di telespettatori. Dal 2002 è andata in scena a teatro per dieci anni con un cast rinnovato fino al grande ritorno a marzo 2016 con la presenza di Lola Ponce.

Lola Ponce, il ruolo della monaca di Monza ne “I Promessi Sposi, Opera Moderna”

Nel 2010 torna a teatro con “I Promessi Sposi ”, rappresentazione scenica a metà strada tra un musical e un’opera rock scritta da Michele Guardì e musicata da Pippo Flora. L’artista argentina veste i panni della monaca di Monza, passionale personaggio dell’omonimo romanzo di Alessandro Manzoni. A soli 16 anni  prende i voti, ma a fare scalpore è la relazione amorosa con un conte dell’epoca da cui nascono due figli. La scoperta dell’intrigo amoroso sottopone la monaca ad un processo canonico con la pena di essere “murata viva”. Con lei sul palco c’è ancora Giò Di Tonno, il Quasimodo de Notre Dame de Paris, nei panni di Don Rodrigo. L’opera racconta la complicata storia d’amore dei giovani Renzo Tramaglino e Lucia Mondella e va in scena per la prima volta allo Stadio San Siro di Milano con diretta televisiva in prima serata su Raiuno.

Fonte foto copertina: Facebook