Il rapper è finalmente tornato a casa dopo essersi operato al San Raffaele e ad attenderlo tanti palloncini e la sua piccola Vittoria che lo stringe e non lo molla più.

Fedez è stato dimesso dall’ospedale il 31 marzo, dopo essersi operato per il tumore al pancreas. L’operazione è molto delicata, tanto da richiedere dei giorni di ricovero. Ora il rapper è a casa con la sua famiglia e la sua piccola Vittoria lo abbraccia teneramente ma non vuole più lasciarlo.

Il toccante abbraccio con sua figlia

Fedez

Fedez tornato a casa pubblica un video in cui la piccola Vittoria abbraccia il suo papà ma al momento di andare a dormire lei proprio non vuole lasciarlo. Vedendo l’attaccamento e l’amore di sua figlia, il rapper scoppia in lacrime e si commuove. Per il cantante sono stati giorni molto difficili e ora tornare a casa significa “tornare alla vita” come lui stesso ha scritto pochi giorni fa sui social.

Dopo essere stato dimesso, Fedez ha ringraziato i medici dell’ospedale San Raffaele di Milano che l’hanno operato e accudito: “Grazie a voi che mi avete letteralmente salvato la vita, che mi avete accompagnato e accudito in questi giorni che non sono stati semplici ma che dall’altra parte mi hanno restituito una nuova prospettiva da cui affrontare la vita. Grazie al Prof. Falconi e a tutto il suo incredibile staff. Grazie a tutti gli infermieri e infermiere del reparto. E grazie a voi per la grande umanità e il supporto che mi avete dato. L’amore è la medicina più potente.Si torna a casa, si torna a vivere“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Fedez

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 01-04-2022


Fabrizio Corona e Carlos replicano a Nina Moric: “Fai la matta sui social”

Il dramma di Aida Yespica: “Non vedo mio figlio da oltre due anni”