La femminilità non viene deturpata dalla mastectomia. Parola delle VIP

Dopo una mastectomia il seno manca, ma le attrici e le cantanti famose che l’hanno subita hanno messo la vita in primo piano, come le amazzoni. E hanno scelto di incoraggiare tutte le donne impegnate nella lotta contro il cancro.

chiudi

Caricamento Player...

L’attrice Monica Guerritore è guarita da un cancro al seno.

“Non è una mastectomia a compromettere il nostro essere donna. È questa corsa a riempire seni, zigomi, colli, labbra che devasta una persona”.

Queste le sue parole, pronunciate  durante l’edizione 2015 del “Ieo per le donne”, incontro ideato 8 anni fa da Umberto Veronesi per raccontare la dura lotta contro il tumore attraverso le testimonianze personali. La Guerritore, cinquantasette anni, ricorda come fosse ieri quando nel 2006 le hanno diagnosticato il cancro.

“Avevo 2 bimbe piccole, di 8 e 6 anni e dopo un accertamento che mi aveva consigliato la mia ginecologa ho scoperto un piccolo nodulo maligno, rimosso in modo mini-invasivo dal professor Veronesi all’Istituto europeo di oncologia. Grazie alla diagnosi precoce non ho avuto bisogno di altre terapie, né è stato necessario asportare il seno. Ma se avessi dovuto, avrei fatto come le amazzoni: un corpetto di cuoio con un seno solo, forte comunque”.

C’è chi è ricorso alla mastectomia pur non avendo avuto alcuna diagnosi. E’ il noto caso di Angelina Jolie, 38 anni, che avendo riscontrato di avere l’87% di possibilità di sviluppare questo tipo di neoplasia (per cui sono morte la madre, la nonna e la zia), ha optato per asportare entrambi i seni e eliminare il problema alla radice. Si è tolta il pensiero, insomma.

A Sheryl Crow, 56 anni, hanno diagnosticato un cancro al seno allo stadio iniziale nel 2006. Tre mesi dopo, la cantante era già sul palco, dopo una mastectomia parziale e alcune sedute di radiazioni.

Cynthia Nixon, alias Miranda in “Sex and the City” ha scoperto, all’età di 40 anni, di avere un tumore al seno (al seno sinistro) dopo una mammografia. Anche per lei sono state necessarie le radiazioni successivamente all’intervento.

Una volta guarita, ha deciso di narrare la sua storia, per essere di conforto alle donne che sono alle prese con questa malattia.

Kylie Minogue – diagnosticata nel 2005, a 36 anni

Il nodulo c’era, ma il primo medico lo aveva definito benigno. Kylie Minogue, però, ha preferito andare a fondo alla questione, sentendo un altro parere che le ha salvato la vita. Era l’anno 2005 e la cantante aveva 36 anni.

Per lei fu necessario l’intervento di asportazione, seguito successivamente da chemioterapia e radiazioni.

Oggi si batte per diffondere la cultura della prevenzione e consiglia alle donne di eseguire controlli ogni sei mesi.

Per Anastacia l’incontro con il cancro al seno è stato doppio, a distanza di undici anni l’uno dall’altro. Il primo, riscontrato quando aveva 34 anni, lo ha debellato senza asportazione. Il secondo ha richiesto la doppia mastectomia e radiazioni. Una doppia sofferenza che oggi si traduce in una doppia vittoria.

Kathy Bates, attrice che tutti ricordano nei panni dell’infermiera psicopatica del film cult Misery non deve morire, ha sconfitto il tumore al seno all’età di 65 anni, dopo essersi salvata dal precedente cancro alle ovaie.

Dopo essere guarita, ha commentato così la sua dura lotta: ”Non mi manca il mio seno quanto mi manca Harry’s Law” (la serie tv NBC che l’ha vista protagonista)”.

In Australia, nel 2008, è nato l’”Olivia Newton-John Cancer and Wellness Centre”. Ha sede a Melbourne e la sua più potente promotrice è l’attrice di Grease che si è impegnata seriamente nella raccolta fondi.

Olivia Newton-John, oggi 65enne, ha lottato per due anni (dal 1992 al 1994) contro il cancro al seno. Dopo la mastectomia e la chemioterapia, è guarita.