Chi è Klaus Kinski, nonno di Sonja

I successi e le grandi interpretazioni dell’attore tedesco

chiudi

Caricamento Player...

Diventato famoso nel secondo dopoguerra, quando inizia a farsi notare soprattutto in ruoli duri e difficili, Klaus Kinski è stato uno dei caratteristi più apprezzati del tempo. La sua memoria è stata oscurata dalle pesanti rivelazioni della figlia primogenita Pola che ha denunciato in un libro i suoi abusi.

La nipote di Klaus, Sonja sarà una delle cinque vallette, figlie d’arte a comporre il cast del Festival di Sanremo.

I film di Klaus Kinski

  • Morituri, regia di Eugen York (1948)
  • I dannati (Decision Before Dawn), regia di Anatole Litvak (1951) – non accreditato
  • La paura, regia di Roberto Rossellini (1954) – non accreditato
  • Ludwig II: Glanz und Ende eines Königs, regia di Helmut Käutner (1955)
  • All’est si muore (Kinder, Mütter und ein General), regia di László Benedek (1955)
  • Sarajevo, regia di Fritz Kortner (1955)
  • Hanussen, regia di O.W. Fischer e Georg Marischka (1955)
  • Waldwinter, regia di Wolfgang Liebeneiner (1956)
  • Geliebte Corinna, regia di Eduard von Borsody (1956)
  • Tempo di vivere (A Time to Love and a Time to Die), regia di Douglas Sirk (1958)
  • Il vendicatore misterioso (Der Rächer), regia di Karl Anton (1960)
  • Gli occhi di Londra (Die toten Augen von London), regia di Alfred Vohrer (1961)
  • Il segreto del narciso d’oro (Das Geheimnis der gelben Narzissen), regia di Ákos Ráthonyi (1961)
  • Bankraub in der Rue Latour, regia di Curd Jürgens (1961)
  • Die Kurve, regia di Peter Zadek (1961) – film TV
  • Il fantasma maledetto (Die seltsame Gräfin), regia di Josef von Báky (1961)
  • L’enigma dell’orchidea rossa (Das Rätsel der roten Orchidee), regia di Helmuth Ashley (1962)
  • Il falso traditore (The Counterfeit Traitor), regia di George Seaton (1962)
  • Der rote Rausch, regia di Wolfgang Schleif (1962)
  • La porta dalle 7 chiavi (Die Tür mit den 7 Schlössern), regia di Alfred Vohrer (1962)
  • La taverna dello squalo (Das Gasthaus an der Themse), regia di Alfred Vohrer (1962)
  • Die Mondvögel, regia di Peter Zadek (1963) – film TV
  • Edgar Wallace a Scotland Yard (Der Zinker), regia di Alfred Vohrer (1963)
  • Il cobra nero (Die schwarze Kobra), regia di Rudolf Zehetgruber (1963)
  • Edgar Wallace e l’abate nero (Der schwarze Abt), regia di Franz Josef Gottlieb (1963)
  • Il laccio rosso (Das indische Tuch), regia di Alfred Vohrer (1963)
  • Scotland Yard contro Dr. Mabuse (Scotland Yard jagt Dr. Mabuse), regia di Paul May (1963)
  • Kali Yug, la dea della vendetta, regia di Mario Camerini (1963)
  • Il mistero del tempio indiano, regia di Mario Camerini (1963)
  • La vedova nera (Das Geheimnis der schwarzen Witwe), regia di Franz Josef Gottlieb (1963)
  • Piccadilly ore X missione segreta (Piccadilly null Uhr zwölf), regia di Rudolf Zehetgruber (1963)
  • La lunga strada della vendetta (Der letzte Ritt nach Santa Cruz), regia di Rolf Olsen (1964)
  • Paga o muori (Wartezimmer zum Jenseits), regia di Alfred Vohrer (1964)
  • La tomba insanguinata (Die Gruft mit dem Rätselschloß), regia di Franz Josef Gottlieb (1964)
  • Giorni di fuoco (Winnetou – 2. Teil), regia di Harald Reinl (1964)
  • Il segreto del garofano cinese (Das Geheimnis der chinesischen Nelke), regia di Rudolf Zehetgruber (1964)
  • Grande rapina al treno di Londra (Das Verrätertor), regia di Freddie Francis (1964)
  • Neues vom Heker, regia di Alfred Vohrer (1965)
  • Il dottor Živago (Doctor Zhivago), regia di David Lean (1965)
  • Colpo grosso a Galata Bridge (Estambul 65), regia di Antonio Isasi-Isasmendi (1965)
  • Le ragazze del piacere (The Pleasure Girls), regia di Gerry O’Hara (1965)
  • Per qualche dollaro in più, regia di Sergio Leone (1965)
  • La guerra segreta (The Dirty Game), regia di Christian-Jaque, Werner Klingler, Carlo Lizzani e Terence Young (1965)
  • Quién sabe?, regia di Damiano Damiani (1966)
  • Il nostro uomo a Marrakech (Our Man in Marrakech), regia di Don Sharp (1966)
  • Il lungo coltello di Londra (Circus of Fear), regia di Werner Jacobs e John Llewellyn Moxey (1966)
  • Tiro a segno per uccidere (Das Geheimnis der gelben Mönche), regia di Manfred R. Köhler (1966)
  • Ad ogni costo, regia di Giuliano Montaldo (1967)
  • L’artiglio blu (Die blaue Hand), regia di Alfred Vohrer e Samuel M. Sherman (non accreditato) (1967)
  • Le labbra proibite di Sumuru (The Million Eyes of Sumuru), regia di Lindsey Shonteff (1967)
  • I 5 draghi d’oro (Five Golden Dragons), regia di Jeremy Summers (1967)
  • Paroxismus, regia di Jesús Franco (1968)
  • Justine, ovvero le disavventure della virtù, regia di Jesús Franco (1968)
  • Il grande silenzio, regia di Sergio Corbucci (1968)
  • A qualsiasi prezzo, regia di Emilio P. Miraglia (1968)
  • Ognuno per sé, regia di Giorgio Capitani (1968)
  • …Se incontri Sartana prega per la tua morte, regia di Gianfranco Parolini (1968)
  • L’uomo, l’orgoglio, la vendetta, regia di Luigi Bazzoni (1968)
  • L’assassino ha le ore contate (Coplan sauve sa peau), regia di Yves Boisset (1968)
  • Sigpress contro Scotland Yard (Mister Zehn Prozent – Miezen und Moneten), regia di Guido Zurli (1968)
  • I bastardi, regia di Duccio Tessari (1968)
  • Il conte Dracula (Count Dracula), regia di Jesús Franco (1969)
  • La legge dei gangsters, regia di Siro Marcellini (1969)
  • Sono Sartana, il vostro becchino, regia di Giuliano Carnimeo (1969)
  • Il dito nella piaga, regia di Tonino Ricci (1969)
  • 5 per l’inferno, regia di Gianfranco Parolini (1969)
  • Due volte Giuda, regia di Nando Cicero (1969)
  • A doppia faccia, regia di Riccardo Freda (1969)
  • Paroxismus, regia di Jesús Franco (1969)
  • La belva, regia di Mario Costa (1970)
  • E Dio disse a Caino…, regia di Antonio Margheriti (1970)
  • Dossier 212 – destinazione morte (La Peau de Torpédo), regia di Jean Delannoy (1970)
  • Appuntamento col disonore, regia di Adriano Bolzoni (1970)
  • I Leopardi di Churchill, regia di Maurizio Pradeaux (1970)
  • Nella stretta morsa del ragno, regia di Antonio Margheriti (1971)
  • Lo chiamavano King, regia di Giancarlo Romitelli (1971)
  • L’occhio del ragno, regia di Roberto Bianchi Montero (1971)
  • La bestia uccide a sangue freddo, regia di Fernando Di Leo (1971)
  • La vendetta è un piatto che si serve freddo, regia di Pasquale Squitieri (1971)
  • Prega il morto e ammazza il vivo, regia di Giuseppe Vari (1971)
  • Per una bara piena di dollari, regia di Demofilo Fidani (1971)
  • Giù la testa… hombre!, regia di Demofilo Fidani (1971)
  • Black Killer, regia di Carlo Croccolo (1971)
  • Il venditore di morte, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971)
  • Aguirre, furore di Dio (Aguirre, der Zorn Gottes), regia di Werner Herzog (1972)
  • Il ritorno di Clint il solitario, regia di Alfonso Balcázar (1972)
  • La morte ha sorriso all’assassino, regia di Aristide Massaccesi (1973)
  • La mano spietata della legge, regia di Mario Gariazzo (1973)
  • Il mio nome è Shangai Joe, regia di Mario Caiano (1973)
  • La mano che nutre la morte, regia di Sergio Garrone (1974)
  • Le amanti del mostro, regia di Sergio Garrone (1974)
  • Le orme, regia di Luigi Bazzoni (1974)
  • Eroi all’inferno, regia di Joe D’Amato (1974)
  • Chi ha rubato il tesoro dello scia?, regia di Guido Leoni (1974)
  • Un genio, due compari, un pollo, regia di Damiano Damiani e Sergio Leone (non accreditato) (1975)
  • Che botte ragazzi!, regia di Bitto Albertini (1975)
  • Dove vai senza mutandine? (Mir hat es immer Spaß gemacht), regia di Will Tremper (1975)
  • Il patto con il diavolo (Lifespan), regia di Sandy Whitelaw (1975)
  • L’importante è amare (L’important c’est d’aimer), regia di Andrzej Żuławski (1975)
  • L’undicesimo comandamento (Das Netz), regia di Manfred Purzer (1975)
  • Erotico profondo (Jack the Ripper), regia di Jesús Franco (1976)
  • Nuit d’or, regia di Serge Moati (1976)
  • Morte di una carogna (Mort d’un pourri), regia di Georges Lautner (1977)
  • Madame Claude, regia di Just Jaeckin (1977)
  • La notte dei falchi (Mivtsa Yonatan), regia di Menahem Golan (1977)
  • Nosferatu, il principe della notte (Nosferatu: Phantom der Nacht), regia di Werner Herzog (1978)
  • La chanson de Roland, regia di Frank Cassenti (1978)
  • Woyzeck, regia di Werner Herzog (1979)
  • Zoo zéro, regia di Alain Fleischer (1979)
  • Schizoid, regia di David Paulsen (1980)
  • Haine, regia di Dominique Goult (1980)
  • La femme enfant, regia di Raphaële Billetdoux (1980)
  • Les fruits de la passion, regia di Shūji Terayama (1981)
  • Buddy Buddy, regia di Billy Wilder (1981)
  • Venom, regia di Piers Haggard (1981)
  • Fitzcarraldo, regia di Werner Herzog (1982)
  • Executor (The Soldier), regia di James Glickenhaus (1982)
  • Android – Molto più che umano (Android), regia di Aaron Lipstadt (1982)
  • Per amore e per denaro (Love & Money), regia di James Toback (1982)
  • Nel regno delle fiabe, nell’episodio “La Bella e la Bestia” (1984)
  • The Secret Diary of Sigmund Freud, regia di Danford B. Greene (1984)
  • La tamburina (The Little Drummer Girl), regia di George Roy Hill (1984)
  • La maledizione dei rubini scomparsi (Revenge of the Stolen Stars), regia di Ulli Lommel (1985)
  • Creature – Il mistero della prima luna (Creature), regia di William Malone (1985)
  • Commando Leopard (Kommando Leopard), regia di Antonio Margheriti (1985)
  • Arcobaleno selvaggio, regia di Antonio Margheriti (1985)
  • El Caballero del dragón, regia di Fernando Colomo (1985)
  • Striscia ragazza striscia (Crawlspace), regia di David Schmoeller (1986)
  • I cacciatori del tempo (Timestalkers), regia di Michael Schultz (1987) – film TV
  • Cobra Verde, regia di Werner Herzog (1987)
  • Grandi cacciatori, regia di Augusto Caminito (1988)
  • Nosferatu a Venezia, registi vari (1988)
  • Jesus Christus Erlöser, regia di Peter Geyer (2008) – postumo

Regista

Klaus Kinski ha anche dimostarto di avere una certa vena sperimentale nella regia:

  • Kinski Paganini (1989)

Fonte immagine: https://www.facebook.com/Klaus-Kinski-45038961298/