I successi e le grandi interpretazioni dell’attore tedesco

Diventato famoso nel secondo dopoguerra, quando inizia a farsi notare soprattutto in ruoli duri e difficili, Klaus Kinski è stato uno dei caratteristi più apprezzati del tempo. La sua memoria è stata oscurata dalle pesanti rivelazioni della figlia primogenita Pola che ha denunciato in un libro i suoi abusi.

La nipote di Klaus, Sonja sarà una delle cinque vallette, figlie d’arte a comporre il cast del Festival di Sanremo.

I film di Klaus Kinski

  • Morituri, regia di Eugen York (1948)
  • I dannati (Decision Before Dawn), regia di Anatole Litvak (1951) – non accreditato
  • La paura, regia di Roberto Rossellini (1954) – non accreditato
  • Ludwig II: Glanz und Ende eines Königs, regia di Helmut Käutner (1955)
  • All’est si muore (Kinder, Mütter und ein General), regia di László Benedek (1955)
  • Sarajevo, regia di Fritz Kortner (1955)
  • Hanussen, regia di O.W. Fischer e Georg Marischka (1955)
  • Waldwinter, regia di Wolfgang Liebeneiner (1956)
  • Geliebte Corinna, regia di Eduard von Borsody (1956)
  • Tempo di vivere (A Time to Love and a Time to Die), regia di Douglas Sirk (1958)
  • Il vendicatore misterioso (Der Rächer), regia di Karl Anton (1960)
  • Gli occhi di Londra (Die toten Augen von London), regia di Alfred Vohrer (1961)
  • Il segreto del narciso d’oro (Das Geheimnis der gelben Narzissen), regia di Ákos Ráthonyi (1961)
  • Bankraub in der Rue Latour, regia di Curd Jürgens (1961)
  • Die Kurve, regia di Peter Zadek (1961) – film TV
  • Il fantasma maledetto (Die seltsame Gräfin), regia di Josef von Báky (1961)
  • L’enigma dell’orchidea rossa (Das Rätsel der roten Orchidee), regia di Helmuth Ashley (1962)
  • Il falso traditore (The Counterfeit Traitor), regia di George Seaton (1962)
  • Der rote Rausch, regia di Wolfgang Schleif (1962)
  • La porta dalle 7 chiavi (Die Tür mit den 7 Schlössern), regia di Alfred Vohrer (1962)
  • La taverna dello squalo (Das Gasthaus an der Themse), regia di Alfred Vohrer (1962)
  • Die Mondvögel, regia di Peter Zadek (1963) – film TV
  • Edgar Wallace a Scotland Yard (Der Zinker), regia di Alfred Vohrer (1963)
  • Il cobra nero (Die schwarze Kobra), regia di Rudolf Zehetgruber (1963)
  • Edgar Wallace e l’abate nero (Der schwarze Abt), regia di Franz Josef Gottlieb (1963)
  • Il laccio rosso (Das indische Tuch), regia di Alfred Vohrer (1963)
  • Scotland Yard contro Dr. Mabuse (Scotland Yard jagt Dr. Mabuse), regia di Paul May (1963)
  • Kali Yug, la dea della vendetta, regia di Mario Camerini (1963)
  • Il mistero del tempio indiano, regia di Mario Camerini (1963)
  • La vedova nera (Das Geheimnis der schwarzen Witwe), regia di Franz Josef Gottlieb (1963)
  • Piccadilly ore X missione segreta (Piccadilly null Uhr zwölf), regia di Rudolf Zehetgruber (1963)
  • La lunga strada della vendetta (Der letzte Ritt nach Santa Cruz), regia di Rolf Olsen (1964)
  • Paga o muori (Wartezimmer zum Jenseits), regia di Alfred Vohrer (1964)
  • La tomba insanguinata (Die Gruft mit dem Rätselschloß), regia di Franz Josef Gottlieb (1964)
  • Giorni di fuoco (Winnetou – 2. Teil), regia di Harald Reinl (1964)
  • Il segreto del garofano cinese (Das Geheimnis der chinesischen Nelke), regia di Rudolf Zehetgruber (1964)
  • Grande rapina al treno di Londra (Das Verrätertor), regia di Freddie Francis (1964)
  • Neues vom Heker, regia di Alfred Vohrer (1965)
  • Il dottor Živago (Doctor Zhivago), regia di David Lean (1965)
  • Colpo grosso a Galata Bridge (Estambul 65), regia di Antonio Isasi-Isasmendi (1965)
  • Le ragazze del piacere (The Pleasure Girls), regia di Gerry O’Hara (1965)
  • Per qualche dollaro in più, regia di Sergio Leone (1965)
  • La guerra segreta (The Dirty Game), regia di Christian-Jaque, Werner Klingler, Carlo Lizzani e Terence Young (1965)
  • Quién sabe?, regia di Damiano Damiani (1966)
  • Il nostro uomo a Marrakech (Our Man in Marrakech), regia di Don Sharp (1966)
  • Il lungo coltello di Londra (Circus of Fear), regia di Werner Jacobs e John Llewellyn Moxey (1966)
  • Tiro a segno per uccidere (Das Geheimnis der gelben Mönche), regia di Manfred R. Köhler (1966)
  • Ad ogni costo, regia di Giuliano Montaldo (1967)
  • L’artiglio blu (Die blaue Hand), regia di Alfred Vohrer e Samuel M. Sherman (non accreditato) (1967)
  • Le labbra proibite di Sumuru (The Million Eyes of Sumuru), regia di Lindsey Shonteff (1967)
  • I 5 draghi d’oro (Five Golden Dragons), regia di Jeremy Summers (1967)
  • Paroxismus, regia di Jesús Franco (1968)
  • Justine, ovvero le disavventure della virtù, regia di Jesús Franco (1968)
  • Il grande silenzio, regia di Sergio Corbucci (1968)
  • A qualsiasi prezzo, regia di Emilio P. Miraglia (1968)
  • Ognuno per sé, regia di Giorgio Capitani (1968)
  • …Se incontri Sartana prega per la tua morte, regia di Gianfranco Parolini (1968)
  • L’uomo, l’orgoglio, la vendetta, regia di Luigi Bazzoni (1968)
  • L’assassino ha le ore contate (Coplan sauve sa peau), regia di Yves Boisset (1968)
  • Sigpress contro Scotland Yard (Mister Zehn Prozent – Miezen und Moneten), regia di Guido Zurli (1968)
  • I bastardi, regia di Duccio Tessari (1968)
  • Il conte Dracula (Count Dracula), regia di Jesús Franco (1969)
  • La legge dei gangsters, regia di Siro Marcellini (1969)
  • Sono Sartana, il vostro becchino, regia di Giuliano Carnimeo (1969)
  • Il dito nella piaga, regia di Tonino Ricci (1969)
  • 5 per l’inferno, regia di Gianfranco Parolini (1969)
  • Due volte Giuda, regia di Nando Cicero (1969)
  • A doppia faccia, regia di Riccardo Freda (1969)
  • Paroxismus, regia di Jesús Franco (1969)
  • La belva, regia di Mario Costa (1970)
  • E Dio disse a Caino…, regia di Antonio Margheriti (1970)
  • Dossier 212 – destinazione morte (La Peau de Torpédo), regia di Jean Delannoy (1970)
  • Appuntamento col disonore, regia di Adriano Bolzoni (1970)
  • I Leopardi di Churchill, regia di Maurizio Pradeaux (1970)
  • Nella stretta morsa del ragno, regia di Antonio Margheriti (1971)
  • Lo chiamavano King, regia di Giancarlo Romitelli (1971)
  • L’occhio del ragno, regia di Roberto Bianchi Montero (1971)
  • La bestia uccide a sangue freddo, regia di Fernando Di Leo (1971)
  • La vendetta è un piatto che si serve freddo, regia di Pasquale Squitieri (1971)
  • Prega il morto e ammazza il vivo, regia di Giuseppe Vari (1971)
  • Per una bara piena di dollari, regia di Demofilo Fidani (1971)
  • Giù la testa… hombre!, regia di Demofilo Fidani (1971)
  • Black Killer, regia di Carlo Croccolo (1971)
  • Il venditore di morte, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971)
  • Aguirre, furore di Dio (Aguirre, der Zorn Gottes), regia di Werner Herzog (1972)
  • Il ritorno di Clint il solitario, regia di Alfonso Balcázar (1972)
  • La morte ha sorriso all’assassino, regia di Aristide Massaccesi (1973)
  • La mano spietata della legge, regia di Mario Gariazzo (1973)
  • Il mio nome è Shangai Joe, regia di Mario Caiano (1973)
  • La mano che nutre la morte, regia di Sergio Garrone (1974)
  • Le amanti del mostro, regia di Sergio Garrone (1974)
  • Le orme, regia di Luigi Bazzoni (1974)
  • Eroi all’inferno, regia di Joe D’Amato (1974)
  • Chi ha rubato il tesoro dello scia?, regia di Guido Leoni (1974)
  • Un genio, due compari, un pollo, regia di Damiano Damiani e Sergio Leone (non accreditato) (1975)
  • Che botte ragazzi!, regia di Bitto Albertini (1975)
  • Dove vai senza mutandine? (Mir hat es immer Spaß gemacht), regia di Will Tremper (1975)
  • Il patto con il diavolo (Lifespan), regia di Sandy Whitelaw (1975)
  • L’importante è amare (L’important c’est d’aimer), regia di Andrzej Żuławski (1975)
  • L’undicesimo comandamento (Das Netz), regia di Manfred Purzer (1975)
  • Erotico profondo (Jack the Ripper), regia di Jesús Franco (1976)
  • Nuit d’or, regia di Serge Moati (1976)
  • Morte di una carogna (Mort d’un pourri), regia di Georges Lautner (1977)
  • Madame Claude, regia di Just Jaeckin (1977)
  • La notte dei falchi (Mivtsa Yonatan), regia di Menahem Golan (1977)
  • Nosferatu, il principe della notte (Nosferatu: Phantom der Nacht), regia di Werner Herzog (1978)
  • La chanson de Roland, regia di Frank Cassenti (1978)
  • Woyzeck, regia di Werner Herzog (1979)
  • Zoo zéro, regia di Alain Fleischer (1979)
  • Schizoid, regia di David Paulsen (1980)
  • Haine, regia di Dominique Goult (1980)
  • La femme enfant, regia di Raphaële Billetdoux (1980)
  • Les fruits de la passion, regia di Shūji Terayama (1981)
  • Buddy Buddy, regia di Billy Wilder (1981)
  • Venom, regia di Piers Haggard (1981)
  • Fitzcarraldo, regia di Werner Herzog (1982)
  • Executor (The Soldier), regia di James Glickenhaus (1982)
  • Android – Molto più che umano (Android), regia di Aaron Lipstadt (1982)
  • Per amore e per denaro (Love & Money), regia di James Toback (1982)
  • Nel regno delle fiabe, nell’episodio “La Bella e la Bestia” (1984)
  • The Secret Diary of Sigmund Freud, regia di Danford B. Greene (1984)
  • La tamburina (The Little Drummer Girl), regia di George Roy Hill (1984)
  • La maledizione dei rubini scomparsi (Revenge of the Stolen Stars), regia di Ulli Lommel (1985)
  • Creature – Il mistero della prima luna (Creature), regia di William Malone (1985)
  • Commando Leopard (Kommando Leopard), regia di Antonio Margheriti (1985)
  • Arcobaleno selvaggio, regia di Antonio Margheriti (1985)
  • El Caballero del dragón, regia di Fernando Colomo (1985)
  • Striscia ragazza striscia (Crawlspace), regia di David Schmoeller (1986)
  • I cacciatori del tempo (Timestalkers), regia di Michael Schultz (1987) – film TV
  • Cobra Verde, regia di Werner Herzog (1987)
  • Grandi cacciatori, regia di Augusto Caminito (1988)
  • Nosferatu a Venezia, registi vari (1988)
  • Jesus Christus Erlöser, regia di Peter Geyer (2008) – postumo

Regista

Klaus Kinski ha anche dimostarto di avere una certa vena sperimentale nella regia:

  • Kinski Paganini (1989)
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 04-02-2017


Tutti gli amori di Eva Grimaldi

Film candidati agli Oscar 2017