Kasia Smutniak e Favino a Verissimo: “Moglie e marito, ma al contrario”

Su Canale 5, Silvia Toffanin ha ospitato nel suo salotto Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino, oltre che il chiacchieratissimo Mario Serpa…

chiudi

Caricamento Player...

Kasia Smutniak era raggiante nello studio di Silvia Toffanin. L’attrice è la “moglie” di Francesco Favino nella commedia Moglie e marito di Simone Godano, a metà tra il gioco di ruolo e la terapia di coppia. La premessa è molto semplice: Andrea, medico, è sposato con Sofia, conduttrice tv, ma il loro matrimonio è in crisi. Un giorno, come nel peggiore degli incubi, si ritrovano l’uno nel corpo e nella mente dell’altra. Per cercare di salvare le apparenze, cercano di adattarsi alla nuova vita che gli è toccata, non senza difficoltà. Una pellicola che promette grandi risate (e anche piccole riflessioni), come hanno ribadito i due protagonisti nello studio di Canale 5.

Edgy e glam: ecco l’outfit scelto da Kasia Smutniak. Prendi ispirazione!

Look Kasia Smutniak


Logo Zalando 190x52
Subito dopo ai due attori, in studio sono arrivati anche il neo papà Aldo Montano ed Elisa Di Francisca, in attesa del suo primo bebè. E ovviamente anche Mario Serpa, ex corteggiatore di Uomini e Donne, che ha spiegato la sua verità sulla fine della relazione con Claudio Sona:

“E’ venuta a mancare un po’ la fiducia da parte mia nei suoi confronti. Sono stato molto male per la fine della nostra storia, ma non si muore per amore, la vita va avanti. Io e Claudio abbiamo caratteri completamente diversi. Usciti da Uomini e Donne, che è un po’ una favola, da parte mia il sentimento è cresciuto, da parte sua no. Se c’è il sentimento i problemi si risolvono“, ha chiosato.

L’amore tra Claudio e Mario aveva fatto sognare il pubblico del pomeriggio di Maria De Filippi: anche sui social i fan hanno dimostrato ai “Clario” tutto il loro supporto dopo la difficile rottura. E Mario ha senza dubbio apprezzato, ma ammette che è il momento di andare avanti: “È stata la storia più emozionante della mia vita, ma abbiamo messo un punto, basta!“.