Infedeltà: la classifica delle città in cui regna il tradimento

Gli italiani sono i più donnaioli e rubacuori d’Europa e non è solo una leggenda. Un sondaggio ha stabilito le città in cui il tradimento va per la maggiore

chiudi

Caricamento Player...

Mariti che tradiscono le mogli, mogli che tradiscono i mariti, coniugi vicendevolmente infedeli. Diciamocelo, le “corna” stanno diventando uno dei fenomeni più diffusi a livello mondiale. Al giorno d’oggi, l’impressione che si ha, è che il tradimento regni sovrano.

Proprio per questo motivo “all’infedeltà” cominciano a essere dedicati veri e propri studi di settore volti a comprendere come, dove e perché matrimoni e fidanzamenti vengono messi a repentaglio da uno dei problemi più antichi del globo.

Quali sono i luoghi in cui domina il tradimento

Un termometro dell’infedeltà ancora non è stato inventato e non esiste un modo scientifico per misurare quella del nostro partner. Il portale di incontri extraconiugali AshleyMadison.com afferma, però, di avere in mano i numeri e di poter dire quali sono le città in cui si tradisce di più in assoluto.

Va male per Roma, capitale degli infedeli, che si posiziona prima in classifica, superando Milano e Torino, rispettivamente seconda e terza. I siciliani vincono, invece, la medaglia di più fedeli: a Palermo non si tradisce mai. O almeno così sembra.

Se calcolare il numero di scappatelle in ogni città è impossibile, il portale AshleyMadison.com ha pensato di basarsi sul numero degli iscritti in cerca di incontri extraconiugali: i romani sarebbero addirittura 53mila contro i 15mila palermitani. Nella top ten finiscono, però, tutti capoluoghi del Nord: insieme a Milano e Torino, anche Brescia (19mila iscritti), Treviso (18mila), Padova (18mila) e Bologna (17mila).

“Tradire mai, divorziare si’. Questa e’ la moralita’ ‘dichiarata’ dagli italiani – spiega Noel Biderman, CEO di AshleyMadison.com – Ma mentre i dati diffusi di recente dal Pew Research Center parlano di una schiacciante disapprovazione per infedeltà, rapporti prematrimoniali, uso di contraccettivi e aborto, i fatti dimostrano che la morale religiosa si allontana nettamente dalla realtà.

I nostri dati sono l’esempio che gli italiani pur disapprovando l’infedeltaà si iscrivono a siti di incontri extraconiugali e tradiscono anche in città come Roma che ancora vivono sotto una forte influenza religiosa”.

Basti sapere che a livello europeo al primo posto si classificano gli uomini italiani, donnaioli e playboy per eccellenza, che nel 59% dei casi si concedono un tradimento quando sono fidanzati.