Secondo i dati in Pandemia si è registrato circa il 7% di adozioni in più di animali da compagnia, per sopportare meglio il lockdown.

Secondo l’indagine Coldiretti sulla base dei dati Eurispes, con l’isolamento dovuto alla pandemia da Covid, si è registrato un sensibile aumento delle adozioni di cani (43,6%) e gatti (35,1%). A quanto pare, gli animali da compagnia hanno aiutato molte persone a sopportare il lockdown e tutto ciò che comporta.

Boom di adozioni per la Pandemia: i numeri non sono mai stati così alti

Come riporta La Stampa: “Parallelamente si assiste a un calo nelle adozioni dei cani nei canili che nel 2020 diminuiscono del 20% rispetto all’anno precedente (dalle 19.383 nel 2019, alle 16.445 nel 2020), coerentemente con i dati dichiarati di nuove iscrizioni in anagrafe canina (85.432 nel 2019, contro le 67.529 nel 2020). A livello nazionale, il rapporto tra cani iscritti all’anagrafe degli animali d’affezione e cittadini è di un cane ogni 4,7 abitanti, con Umbria e Sardegna che primeggiano in positivo (rispettivamente un cane iscritto ogni due cittadini e un cane ogni 2,8), e Puglia e Calabria fanalini di coda (rispettivamente un cane iscritto ogni 7,4 e ogni 9,6 cittadini). Guardando ai gatti, il rapporto nazionale è di un gatto iscritto all’anagrafe degli animali d’affezione ogni 72,4 cittadini: a primeggiare, in questa categoria, sono Valle d’Aosta (un gatto ogni 31,4 abitanti) e la Provincia autonoma di Bolzano (un gatto ogni 32,6 cittadini).”

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 18-01-2022


Claudio Santamaria e Francesca Barra: la storia dei loro cani

Gatto bloccato in un cinema: “Non riusciamo a farlo uscire”