I rischi di soffocamento nei bambini si possono prevenire e curare

L’onlus Trenta Ore per la Vita ha realizzato un corso online sulle manovre di disostruzione in età pediatrica, per salvare i bambini in casa

chiudi

Caricamento Player...

Da genitori ci si preoccupa sempre per la salute dei propri bambini, soprattutto quando questi  sono lontani, ma molti non sanno che l’86% degli incidenti avviene in presenza di un adulto, tra cui il soffocamento.

Trenta ore per la Vita ha così deciso di fare una lista dei cibi più rischiosi, per dimensione e consistenza, per quanto riguarda il soffocamento dei bambini. Ai primi posti della “lista nera” ci sono wurstel, mozzarelline, olive, uva, pomodorini. Anche la frutta secca non scherza: i frammenti di noci o nocciole possono essere aspirati e finire nei bronchi, causando patologie come la polmonite da aspirazione.

L’onlus Trenta ore per la Vita si è quindi messa in gioco per informare tutti coloro che hanno a che fare con i bambini (genitori, nonni, insegnanti…). L’onlus ha progettato un corso online sulle manovre di disostruzione in età pediatrica, per permettere a chiunque di informarsi e di essere in grado di agire in ogni momento in caso di pericolo.

Guarda il video trailer del corso!

[jwplayer player=”1″ mediaid=”63092″]

Questa iniziativa di Trenta ore per la Vita non finisce qui, infatti il ricavato della vendita del corso online sarà devoluto al “Progetto Home” che si occupa di assicurare una casa ai genitori dei bambini malati di tumore che sono costretti a vivere lontano da casa per lunghi periodi per seguire le cure ei loro figli.

Quindi, questo corso porta un doppio beneficio, utile alla vita di tutti i giorni in presenza di bambini e sociale, per la causa che porta avanti.