Resistono, ma con le difficoltà del caso dovute alla pandemia: H&M e Zara, i due attuali colossi del fast fashion hanno registrato un nuovo calo di vendite.

C’è chi afferma che il fast fashion al momento è l’unico settore ad avere certezza del futuro. Sarò vero online, ma le vendite fisiche sono in calo e a renderlo noto sono i due principali negozi del fast fashion, H&M e Zara, che ancora una volta a Novembre sono stati costretti a chiudere i loro negozi in diversi paesi. La pandemia quindi non perdona in questa sua seconda fase, che spinge anche i due colossi a continue riconsiderazioni della propria strategia di mercato a livello mondiale. Una crisi di quel settore verificatosi già quest’estate.

H&M e Zara: calano le vendite trimestrali

La causa principale che ha spinto i due mostri sacri del fashion retail alla chiusura di diversi negozi nel mondo il mese scorso, è dovuto al calo di vendite trimestrale che si è registrato.

Negozio con stand
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/moda-abiti-colorato-shopping-3812433/

Nel periodo infatti di Settembre – Ottobre, il fatturato di H&M è sceso del -10%, con un rallentamento repentino nell’ultimo mese. Le vendite registrate sono state 5,4 miliardi di euro, decisamente in calo rispetto all’anno precedente, tanto che il gruppo svedese ha perso quota anche alla Borsa di Stoccolma.

Nel caso di Zara la situazione è apparsa più critica sotto certi aspetti : -14% nel terzo trimestre del suo esercizio, finito ad Ottobre. Il calo era stato previsto dagli analisti tra il -11% e il -15%, con un fatturato di 6,05 miliardi di euro, con un salto del 76% dell’e-commerce.

Il futuro del fast fashion

Nonostante i cali evidenti di due grandi realtà come Zara e H&M, si guarda tuttavia con positività al futuro del fast fashion, soprattutto per quanto riguarda le vendite online, che riescono a compensare le difficoltà del momento.

I cali quindi di questo terzo trimestre, che seguono un breve periodo di ripresa, non spaventano quindi circa la sopravvivenza di queste due grandi macchine della moda, che cominciano però a guardare meno per il momento ad ulteriori espansioni dei negozi fisici. Nel futuro quindi, fino a quando non ci sarà un netto assestamento sanitario, i negozi fisici potrebbero registrare spesso fatturati altalenanti.

ultimo aggiornamento: 18-12-2020


Alexandre Vauthier riscrive la sua collezione shoes con Giuseppe Zanotti

Fashion Week 2021: quali tessuti indosseremo la prossima estate