Gotti – Il primo padrino racconta la vera storia del boss John Gotti. La produzione del film è stata tutt’altro che semplice: le curiosità.

Se in Pulp Fiction John Travolta ha interpretato un malvivente nato dalla fantasia del regista Quentin Tarantino, in Gotti – Il primo padrino ha invece vestito i panni di un vero boss della mafia americana: John Gotti. Il film, diretto da Kevin Connolly, è uscito nelle sale cinematografiche nel 2018 ma il progetto è nato ben prima, addirittura nel 2010: la produzione ha però riscontrato diversi problemi e alla fine le riprese sono iniziate solamente nel 2016.

Chi era John Gotti

Come detto, il film racconta la vera storia di John Gotti, che da 1985 al 2002 (anno della sua morte) è stato il boss della potente famiglia mafiosa Gambino di New York.

John Travolta Kelly Preston
John Travolta Kelly Preston

Nato nel 1940, di origini italiane – i genitori erano originari di San Giuseppe Vesuviano in provincia di Napoli -, John Gotti iniziò la sua carriera criminale per la famiglia Gambino rubando merce all’aeroporto JFK di New York (all’epoca si chiamava Idlewild). Nel 1968 finì per la prima volta in carcere.

Una volta uscito di prigione riprese a lavorare per la famiglia Gambino e nel 1985 ne prese il potere dover aver ucciso il boss Paul Castellano. Fu arrestato nel 1990, fu condannato all’ergastolo e nel 2002 morì a causa di un cancro alla gola.

Gotti – Il primo padrino: il cast del film

Oltre al già citato John Travolta nei panni di John Gotti, nel cast del film troviamo anche Kelly Preston, attrice che era la moglie di John Travolta e che nel film interpreta la moglie del boss, Victoria. Spencer Lofranco è invece il figlio, John A. Gotti Jr.

Completano il cast di Gotti – Il primo padrino Stacy Keach, Pruitt Taylor Vince, William DeMeo, Megan Leonard, Leo Rossi, Chris Mulkey, Christopher Kerson, Victor Gojcaj, San Mendino e Rhys Coiro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
gotti - il primo padrino

ultimo aggiornamento: 17-09-2020


Tutto quello che devi sapere sul Rosh haShanah, il Capodanno ebraico

L’immunologa Viola: “Sanificare quaderni e penne? Non serve, bisogna lavare le mani”