Francesca Fioretti ricorda Davide Astori: “Per me è 4 marzo tutti i giorni”

Francesca Fioretti, intervistata da Vanity Fair, ha raccontato il suo anno senza il compagno Davide Astori, morto il 4 marzo del 2018.

Dal 4 marzo del 2018 la sua vita è cambiata. Inesorabilmente. Dalla telefonata in cui Francesca Fioretti ha scoperto che il suo Davide, non c’era più. Ad oltre un anno dalla morte del capitano della Fiorentina, Astori, nonché compagno di Francesca e papà della piccola Vittoria, la showgirl si è raccontata a Vanity Fair. “Penso che per me è 4 marzo ogni giorno. Quattro marzo quando mangio, 4 marzo quando vado a dormire, 4 marzo quando compro un biglietto di treno, organizzo un viaggio e penso che accanto a me Davide non ci sarà più. Mi è caduta addosso una tragedia, una disgrazia così grande da cambiare per sempre la mia prospettiva sulle cose. È stato un anno straziante, difficile e impegnativo. Non credevo di essere così forte, ha detto la Fioretti.

Francesca Fioretti e Davide Astori: la vita della showgirl senza il compagno

Rifugge l’uso del passato, perché tutto diventa ancora più difficile. “Per me parlare di Davide al passato è impossibile. Penso spesso a come si sarebbe comportato lui al mio posto, a come avrebbe fatto con il suo lavoro, al suo possibile addio al calcio. Forse avrebbe fatto il padre a tempo pieno perché con Vittoria era bravissimo”, ha spiegato.

Davide Astori Francesca Fioretti
Fonte Foto: https://www.instagram.com/francesca_fioretti/

Poi su come abbia affrontato il dolore, vista la grande storia d’amore con Astori: “All’inizio, avevo paura di tutto. Per molti mesi non ho acceso la tv né ho dormito nella nostra stanza. Mi facevo accompagnare in bagno per lavarmi i denti, temevo di non essere più in grado di gestire mia figlia, ero terrorizzata dall’idea di volerle meno bene. Mi ha aiutato una psicologa infantile”.

Il consiglio che le ha dato la psicologa è stato: “Se ti fa stare bene manda via tutti”.

Francesca lo ha fatto: “Ho rassicurato parenti e amici, li ho fatti andare a casa, mi sono isolata e tornando a fare le cose di sempre, lentamente, ho ricostruito la mia stabilità”.

Francesca Fioretti: al teatro ricomincia a vivere

Ha ripreso la sua vita e il prossimo 21 marzo sarà al teatro Delfino di Milano, con Lungs di Duncan Macmillan. “Pensavo che dopo la morte di Davide non sarei stata in grado di sostenere la parte, invece il teatro è stata una salvezza”.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/francesca_fioretti/

ultimo aggiornamento: 20-03-2019

X