Fino a quando dormire pancia in giù in gravidanza

In gravidanza sorgono tanti dubbi e domande in una donna: dormire a pancia in giù si può e non vi è limite di tempo entro cui modificare questa posizione.

chiudi

Caricamento Player...

La gravidanza è un momento bellissimo nella vita di una donna, qualcosa di unico nel suo genere e sicuramente indimenticabile… certo, anche per qualche piccolo aspetto negativo come possono essere le nausee, la sonnolenza e la difficoltà di dormire.

Quest’ultima in modo particolare accomuna moltissime donne e porta con sé dubbi, incertezze, domande, soprattutto se si tratta di prima gravidanza.

E una delle domande più frequenti tra le donne in gravidanza riguarda proprio la posizione da assumere durante la notte: fino a quando dormire a pancia in giù in gravidanza?

In realtà non esistono divieti, limiti o indicazioni sul numero di mesi e settimane limite per dormire a pancia in giù in gravidanza, ma è naturale che a un certo punto la pancia della donna crescerà a tal punto da impedire questa posizione. Ecco dunque che la natura risponderà da sé a questa domanda e la donna sentirà da sola la necessità di abbandonare la posizione a pancia in giù per assumere quella sul fianco o pancia su per dormire più comodamente.

Solitamente questa necessità è avvertita intorno alla fine del primo trimestre, ma può essere avvertita prima o dopo questo tempo da ogni donna: non tutte si è uguali, c’è chi si sente scomoda nella posizione a pancia in giù prima dei tre mesi di gravidanza perché ha una pancia più visibile e avvertibile e chi supera questo tempo perché, al contrario, ha una pancia meno pronunciata e non avverte fastidi.

Non vi sono tuttavia controindicazioni per il bambino nel dormire in una posizione rispetto ad un’altra, anche se è consigliato dormire sul fianco sinistro (soprattutto nel trimestre finale) per un migliore e maggiore apporto di ossigeno e nutrimento al bimbo, senza tuttavia proibire le altre posizioni o sconsigliarle in alcun modo.

Ogni donna troverà in modo molto naturale la posizione più comoda per lei e per il suo bambino.