Fendi e Dior in Galleria Vittorio Emanuele a Milano: asta vinta

Dior e Fendi, asta da record: si aggiudicano i posti migliori in Galleria Vittorio Emanuele

Vinta da Fendi e Dior l’asta da capogiro per l’assegnazione degli spazi nella Galleria Vittorio Emanuele a Milano: cifre milionarie decretano i vincitori.

Le assegnazioni, da parte del comune di Milano, dei negozi in Galleria Vittorio Emanuele, vedono tra i vincitori due griffe di lusso di tutto rispetto. Fendi e Dior sono pronti a prendere il loro posto dopo un’asta a colpi di rialzi. I brand di lusso si sono contesi gli spazi già occupati da Armani e Versace, spodestandoli a caro prezzo portando il canone d’affitto alle stelle. Dior dovrà pagare 5 milioni, mentre per Fendi la cifra è più bassa… 2,4 milioni di euro annuali.

Dior a Milano in Galleria Vittorio Emanuele

Sicuramente il comune di Milano potrà tirare un sospiro di sollievo per quanto riguarda i bilanci e le entrate annue.

Dopo la grande asta a colpi di rialzi, giocata in 38 battute, la somma per l’affitto di due spazi in Galleria Vittorio Emanuele è arrivata, in totale, alla cifra record di ben 5 milioni e 50 mila euro, dopo essere partiti da una base d’asta di 950mila euro.

Galleria Vittorio Emanuele Milano
Galleria Vittorio Emanuele Milano

I negozi della galleria sono vetrine molto ambite dai colossi della moda, basti pensare che all’asta hanno partecipato: Max Mara, Prada, Versace, Hermes e Yves Saint Laurent, perdendo clamorosamente contro la maison francese Christian Dior.

Per occupare il negozio di 324 metri quadrati, attualmente affittato da Versace fino a dicembre, Dior dovrà pagare oltre 5 milioni di affitto l’anno. Un affitto che garantisce al brand di poter rimanere per ben 18 anni nella Galleria, incantando così passanti e clienti.

Fendi conquista la Galleria con cifre altissime

Non era mai successo che si arrivasse ad una cifra così alta per prendere i posti d’onore nella Galleria più lussuosa d’Italia. Prima di Dior, è stato il marchio Fendi ad aggiudicarsi un posto in prima fila nell’ambito ottagono del fashion, aggiudicandosi una superficie di ben 326 metri quadrati, attualmente utilizzata dalle due vetrine di Armani.

La lotta per arrivare alla vittoria, anche in questo caso, è stata dura e a colpi di alzata di mano. La sfida si è tenuta contro: Bottega Veneta, Prada, Salmoiraghi e Viganò e Damiani, premiando Fendi per la modica cifra di 2,4 milioni di euro all’anno, per 18 anni.

Care fashion addicted, non preoccupatevi: Giorgio Armani cede il suo posto, ma non abbandona la Galleria Vittorio Emanuele per altri 18 anni. A novembre si era aggiudicato uno spazio da 302 metri quadrati attualmente occupati dalla Tim, per 1,9 milioni di euro che fino a quel momento era la somma più alta mai pagata per un posto in galleria.

ultimo aggiornamento: 19-02-2020

X