L’attore svela cosa è successo durante un provino con Tinto Brass, sul film “Senso 45” per cui ha recitato nel 2002.

Un racconto davvero “piccante” quello di Gabriel Garko sul provino con Tinto Brass. Le grottesche richieste del regista hanno fatto sorridere l’attore che ricorda il momento come uno dei più divertenti della sua carriera. Garko racconta tutto, in occasione di un’intervista al settimanale Oggi.

Il ricordo di Gabriel Garko sul provino con Tinto Brass

Gabriel Garko
Gabriel Garko

Come riporta Blogtivvu, Gabriel Garko rivela: “Il provino più divertente della mia carriera. – esordisce Gabriel – A un certo punto del colloquio, dal nulla, Tinto mi ha detto: “Fammi vedere il cul*” Io sono rimasto di sasso, ma il modo in cui me l’ha detto ha abbattuto tutte le barriere. Mi sono girato ho tirato giù i jeans.

E ancora: “Ora fammi vedere il pisell*”. Io avevo già i pantaloni abbassati e mi sono rigirato. Da quel provino ho imparato una cosa fondamentale. Quale? Che il sesso va vissuto così, come lo vede Tinto, in una cornice naturale, semplice, divertente. Noi abbiamo questa voglia di etichettare tutto, ma l’etichetta si mette solo alle cose. 

Le faccio un esempio: a una ragazza “normale” – parola che odio perché viene da norma, e cioè regola – può “partire la brocca” per un’altra ragazza. Poi magari finisce, e si innamora un’altra volta di un uomo. Sa come chiamerebbero quella ragazza? Lesbica. Invece siamo tutti fluidi, a qualunque uomo è successo di provare qualcosa per un amico. Solo che ti freni molto prima perché te lo impone la società“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 19-05-2022


Raffaella Fico sul fidanzato a Le Iene: “A letto ci piace…”

“Non devi fingere orgasmi”: Belen torna a parlare dell’autoerotismo femminile