Fabrizio Corona: Dagospia e la montagna di soldi che sembrano nascosti

Domenica 9 ottobre Le Iene si sono occupate di Fabrizio Corona: pare che il tribunale di Milano abbia sequestrato 1,7 milioni di euro nascosti…

chiudi

Caricamento Player...

Negli scorsi giorni diversi siti avevano riportato la notizia secondo cui il tribunale di Milano avrebbe sequestrato 1,7 milioni di euro a Fabrizio Corona. Le Iene, ieri sera, hanno allora cercato di fare chiarezza sul caso. In seguito al presunto sequestro della Procura di Milano di tutti quei soldi, l’ex re dei paparazzi potrebbe infatti vivere l’ennesimo brutto periodo. Una vicenda che potrebbe complicare il suo periodo di prova presso i servizi sociali, condanna pronunciata dal tribunale e della durata complessiva di 5 anni ed 1 mese.

Filippo Roma ha indagato sugli introiti presumibilmente guadagnati in serate in discoteca in nero

Il legale difensore, Ivano Chiesa, ha più volte sottolineato come Fabrizio sia cambiato e che i soldi ritrovati nel controsoffitto di un’amica di Corona servivano per pagare le tasse.

L’abitazione in cui è stato ritrovato il denaro, apparterrebbe infatti all’amministratrice della società intestata a Corona. Il legale Ivano Chiesa, avvocato di Fabrizio Corona, ha dichiarato: “Sono somme riconducibili alla attività svolta dalla società Atena srl e, per essa, dal signor Fabrizio Corona. Essendo maturate negli ultimi due mesi del 2015 e nel corso del 2016, è ancora possibile sottoporre le stesse a tassazione in quanto i relativi termini di versamento delle imposte sono ancora aperti”.

Sui social, intanto, chi lo difende e chi invece condanna: “dopo questa, ti auguro il ritorno in galera e la chiave buttata. Non perché tu sia peggio di altri, ma per un’abitudine a prendere in giro tutti”, scrive qualcuno.

“Un mese fa scrivevo un lungo articolo per Il Fatto su Fabrizio Corona in cui denunciavo, tra le altre cose, possibili compensi in nero per centinaia di serate in giro per l’Italia e il fatto che tutti questi contanti potessero essere banalmente in qualche anfratto di casa sua o della sua prestanome. Per questo pezzo il suo legale ha annunciato alla stampa una querela nei miei confronti e del mio giornale.

Oggi la stampa riferisce il sequestro di un milione e settecentomila euro in contanti nascosti in un controsoffitto di casa della prestanome di Corona. Secondo il legale, Corona era intenzionato a dichiararli e, con calma, a pagare le tasse. Del resto, tutti noi nascondiamo soldi in un controsoffitto di un prestanome quando siamo seriamente intenzionati a dichiararli al fisco. Un teatrino infinito”, scrive Selvaggia Lucarelli su Facebook senza timore.“Ho fatto una marea di errori a causa della mia follia e del diavolo che ho dentro che non si è fatto più risentire”, aveva dichiarato Corona poco meno di un mese fa.