Proteggere la pelle dai raggi solari è importante soprattutto per i più piccini, ecco come prevenire e curare l’eritema solare nei bambini.

L’eritema solare nei bambini viene comunemente definito come scottatura ed è causato da un’esposizione eccessiva al sole. In particolare a provocare le scottature sono i raggi ultravioletti ed è per questo motivo che è importante utilizzare le giuste protezioni solari.

Da piccoli è più facile scottarsi perché la melanina, un pigmento della pelle che ci protegge dai raggi solari, è inferiore rispetto alla quantità presente in un adulto. Proprio per questi motivi l’eritema solare nei bimbi è una condizione molto più frequente che negli adulti, vediamo come si può evitare e quali cure esistono.

Eritema solare nei bambini: i rimedi

La migliore arma contro le scottature è data proprio dalla prevenzione efficace che si può mettere in atto tenendo presenti alcune semplici regole da applicare. Per prima cosa è importante evitare che i bimbi stiano al sole nelle ore più calde della giornata. Queste accortezze vanno mantenute in particolare nei neonati al di sotto dei 6 mesi che non dovrebbero mai stare esposti alla luce diretta a lungo, anche perché non è possibile utilizzare la crema solare prima dei sei mesi.

bambino spiaggia mare
bambino spiaggia mare

Nelle ore meno calde quando si sta al sole si deve applicare una protezione solare con un fattore protettivo di 30 o superiore. È importante che la crema sia in grado di proteggere dai raggi UVA e UVB (ultravioletti A e B). La protezione massima in commercio è la 50+ e bisogna ricordare che nessuna crema solare protegge completamente. Per questo è sempre bene evitare di stare troppo a lungo al sole. Bisogna anche ricordare che la crema solare andrebbe usata non solo al mare, ma anche in città e specialmente in montagna. Insieme alla crema solare è bene proteggere i bimbi anche facendo indossare loro un cappellino e gli occhiali da sole, anche gli indumenti a maniche lunghe offrono in parte protezione dai raggi solari.

Eritema solare nei bambini: le cure

Gli eritemi solari si presentano con arrossamento della pelle a chiazze, accompagnati in alcuni casi anche dal gonfiore della zona interessata o dalla comparsa di bolle. Gli effetti sono un intenso bruciore anche solo sfiorando le zone colpite e l’arrossamento tende a comparire nel giro di qualche ora dall’esposizione al sole.

Entro due o tre giorni l’eritema svanisce da solo, ma per dare sollievo si possono usare in primo luogo impacchi freschi. Su prescrizione del medico si possono utilizzare creme a base cortisonica per ridurre i fastidi, soprattutto se le aree colpite sono estese.


Nomi femminili particolari? Ecco come sceglierne uno raro per la vostra bambina

Quali cambiamenti avvengono al terzo mese di gravidanza?