La cantante Elodie si trova in Puglia per un progetto e ha salvato otto cuccioli abbandonati, trovando a ognuno di loro una famiglia.

Elodie è molto attenta ad aiutare chi è meno fortunato, anche se si tratta di otto piccoli cuccioli abbandonati, per i quali ha contribuito a trovare una famiglia e una casa.

Elodie si trova ad Ascoli Satriano in provincia di Foggia, per girare un film, e qui sono stati recuperati e curati dall’Ente nazionale Protezione Animali otto bellissimi cuccioli abbandonati. Una storia che è subito saltata all’orecchio della cantante che ha voluto aiutare per trovare a tutti loro una casa.

Strappati alla mamma e lasciati davanti al Rifugio Enpa di Ascoli Satriano, a sole poche settimane di vita, la storia di questi otto tenerissimi cuccioli risale al 13 ottobre, una storia di abbandono e di ignoranza, ma anche una storia d’amore. L’Ente Nazionale Protezione Animali ha subito preso a cuore il destino di questi piccoli cuccioli, accolti nel rifugio.

Subito sono partite le ricerche per poter dare ai piccolini una famiglia dove stare e anche per trovare la mamma, Lola, che dopo qualche giorno è stata ritrovata per strada, frastornata. Elodie, trovandosi proprio nei dintorni per lavoro, è venuta a conoscenza della storia e si è rimboccata le maniche per aiutare.

La giovane cantante si è offerta di aiutare le volontarie Enpa a diffonderla, promuovendo l’adozione dei cuccioli. Grazie a questo annuncio speciale e ai suoi milioni di follower, i cuccioli Mia, Asia, Nikita, Fulmen, Rocky, Epta, Stella e Tessa oggi hanno tutti una casa.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 19-01-2022


Peste suina in Liguria e Piemonte: vietate attività nei boschi per 6 mesi

Peste suina, la situazione è grave: prese misure più severe