Come procurarsi un cereale quasi introvabile

Il miglio kodo è originario del continente africano, ma costituisce oggi uno degli ingredienti principali dell’alimentazione asiatica – più precisamente, indiana. Per questo, i maggiori negozi online che si occupano di commerciarlo sono indiani: è un tipo di miglio quasi sconosciuto in Europa, quindi può essere difficile trovare un rivenditore italiano specializzato in un cereale così esotico. Specie per chi si occupa di alimentari all’ingrosso, comunque, lo shopping online resta una valida opzione: scopriamo dove comprare il kodo su Internet!

I siti a cui rivolgersi

Si parte con Alibaba.com: da un venditore di Chennai (India) è possibile acquistare minimo 5 tonnellate di miglio kodo o varagu di colore marrone chiaro, in sacchi resistenti agli agenti atmosferici – poca roba, insomma! Su Indian Products, invece, si possono fare ordini più piccoli e la spedizione in Italia è garantita; 250 grammi costano 16,75 euro, ma la spedizione è gratuita se si supera una spesa complessiva di 75 euro. La confezione non contiene nè additivi nè agenti insaporitori. Il sito più conveniente sembra essere Naturally Yours: 500 grammi di kodo costano 95 rupie indiane: circa 1 euro e 25 centesimi! Il problema? Non è possibile ricevere la merce in Italia.

Dove comprare il kodo di persona

Resta una sola cosa da fare per chi non deve acquistare all’ingrosso, o non può ovviamente recarsi fino in India: rivolgersi a quei tipici negozietti di cibi esotici presenti in quasi tutte le città italiane. Avendo solitamente gestori indiani o pakistani, è probabile che questi punti vendita, specializzati in articoli di provenienza asiatica, commercino il miglio kodo o siano comunque in grado di procurarlo da negozi di fiducia con sede in India, come Kaulige. Situato a Bangalore, è specializzato in varietà di miglio e ne incoraggia il consumo anche attraverso laboratori e iniziative. Un chiaro esempio dell’importanza di questo cereale, in Paesi diversi dal nostro.


Truccarsi a 30 anni per la laurea

Maggio, un weekend enogastronomico a Genova