Fur Oil: e coccolerete i vostri peli pubici proprio come fate coi capelli!

Per anni le donne sono ricorse alla cera brasiliana per depilare completamente le parti intime (lo faceva anche Brigitte Bardot in tempi non sospetti), in quanto i peli pubici oltre a essere ricettacolo di germi e cattivi odori risultano decisamente antiestetici, sia nell’intimità sia al mare, quando si indossano costumi molto piccoli o dal tessuto che traspare una volta bagnato. Anche relativamente a questa tendenza non hanno tardato a farsi sentire le detrattrici, quelle donne che sono fan del pelo pubico e non amano ricorrere alla depilazione totale. Per tutte loro le sorelle Emily e Laura Schubert, 24 e 32 anni, hanno creato Fur Oil.

Che cos’è Fur Oil?

E’ un vero e proprio trattamento di bellezza per i peli del pube, una miscela di olii naturali (tea tree, vinaccioli, jojoba, semi di salvia sclarea) con elevate proprietà antisettiche e lenitive, in grado di rendere i peli pubici morbidi, lucenti e setosi. Le sorelle Schubert hanno pensato che se le donne sono tanto preoccupate di curare i propri capelli con prodotti ad hoc, altrettanta cura dovrebbe essere destinata alle parti intime. Nella stessa linea è stata prodotta una crema (Stubble Cream) a base di burro di karitè, olio di oliva e di tea tree per ammorbidire la pelle dopo la rasatura.

Dove comprare Fur Oil?

L’articolo al momento non è disponibile nei negozi, ma si può acquistare online sul sito dedicato. Fur Oil costa 39 dollari, mentre la Stubble Cream ha un prezzo di 32 dollari. Quindi in attesa che qualche rivenditore si lasci convincere dalle due sorelle a diventare concessionario di questo prodotto così particolare ed innovativo, se pensate che Fur Oil faccia proprio al caso vostro, non vi resta che visitare il sito (è in inglese) ed ordinare il vostro Fur Oil, che, oltre tutto, non contiene sostanze nocive né per la persona né per l’ambiente e non è stato testato su animali.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Come fare il top knot ai capelli

Che cos’è il greenwashing dei cosmetici