Rapporti dopo l’amniocentesi? Vediamo come e quando.

L’amniocentesi è un esame diagnostico prenatale che consente di individuare ed eventualmente curare alcune patologie o malformazioni relative al nascituro tramite il prelievo di circa 20 ml di quel liquido amniotico in cui è immerso il feto all’interno del grembo materno. L’amniocentesi va effettuata fra la quindicesima e la diciottesima settimana di gravidanza, e si può eseguire in una struttura pubblica o privata in base alle preferenze dei futuri genitori.

Il prelievo va praticato con un ago speciale per amniocentesi, inserito dal medico nel sacco amniotico facendo attenzione a non urtare il feto o la placenta: non è un esame doloroso, da solo un po’ di fastidio molto simile a quello di un normale prelievo sanguigno, e un po’ di tensione addominale che tende a scomparire in qualche ora.

E’ bene farsi accompagnare a casa da qualcuno dopo essersi sottoposte ad amniocentesi, concedersi almeno tre ore di riposo sedute in poltrona o sdraiate sul letto ed evitare, nelle successive 48 – 72 ore successive all’esame qualsiasi attività che richieda uno sforzo fisico eccessivo.

Per quanto riguarda l’intimità di coppia, i rapporti dopo l’amniocentesi possono essere ripresi tranquillamente dopo quattro o cinque giorni, fermo restando che se la futura mamma lamenterà ancora qualche fastidio o dei piccoli dolori il tempo di attesa dovrà essere necessariamente protratto.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-11-2015


Come fare un divano con i pallet

Esempio dieta di mantenimento