Dopo quanto bagnare un tatuaggio appena fatto

Si può bagnare un tatuaggio appena fatto? Scopriamolo insieme!

chiudi

Caricamento Player...

Un tatuaggio va eseguito da un professionista, in uno studio che rispetti in toto le regole di igiene e profilassi del caso, affinché non si infetti, e va curato nei primi giorni come se fosse una ferita vera e propria. La vaselina applicata a fine lavoro dal tatuatore dovrà essere rimossa dopo 2 – 3 ore usando acqua tiepida e sapone di Marsiglia, dopodiché andrà applicata sulla parte una crema idratante, solitamente la Bepanthenol, per una settimana circa ripetendo l’operazione tre volte al giorno, in modo tale da ammorbidire le crosticine che, formandosi naturalmente sul nostro tattoo, potrebbero spaccarsi causando dei buchi di colore.

Non si può assolutamente bagnare un tatuaggio appena fatto: per fare il bagno o la doccia, proteggiamo la parte tatuata con della pellicola trasparente, vietato il bagno in mare o in piscina, l’esposizione diretta ai raggi solari, il contatto con indumenti che non siano in puro cotone.

Dopo 7 – 10 giorni le crosticine saranno sparite, ma affinché il nostro tattoo non ci causi problemi e sia bellissimo da vedere prima di bagnarlo direttamente dovremo aspettare un lasso di tempo che va dalle tre alle quattro settimane. Ricordiamo poi di proteggerlo comunque, in spiaggia o in piscina, con una crema ad alto fattore di protezione solare o a schermo totale: la colorazione rossa, infatti, sotto i raggi diretti del sole potrebbe risultare cancerogena.