12 Modi per Sapere se si è in Dolce Attesa di un Maschietto o di una Femminuccia

Se siete in dolce attesa e volete sapere se il vostro bambino sarà maschio o femmina ecco alcuni modi per scoprirlo.

chiudi

Caricamento Player...

Esiste un calendario lunare cinese, che spesso sembra funzionare, ma di tutte le credenze e le tradizioni legate alla definizione del sesso del nascituro ecco 12 modi che potrete applicare da sole:

– Lo stato d’animo della mamma:  solitamente quando non si è molto ottimiste vuol dire che nascerà una femminuccia mentre quando si vede tutto rose e fiori la mamma è in dolce attesa di un maschio.

– Nausee mattutine: se non hai avuto nausee mattutine all’inizio della gravidanza allora sei in dolce attesa di un maschietto mentre se hai avuto nausee mattutine all’inizio della gravidanza sarà una femminuccia.

– Posizione dei cuscini sul letto: se il cuscino dove dorme la mamma è esposto a sud è in arrivo una femminuccia, se invece è esposto a nord è in arrivo un maschietto.

– Il colore dei capelli della mamma: i capelli in gravidanza subiscono grandi cambiamenti, a volte diventano più folti, luminosi e belli, altre volte invece si indeboliscono. Si dice inoltre che se spuntano dei riflessi che tendono verso il rosso potrebbe essere il segno che la mamma è in dolce attesa di una femmina.

– Le voglie in gravidanza: si dice che se la mamma ha voglia di proteine, salumi, formaggi, cibi salati potrebbe essere un maschio, se invece non si resiste ai dolci, al succo di arancia, alla frutta è probabile che sia in arrivo invece una femmina.

– Pancione: se l’allargarsi del pancione è tutto spostato in avanti è in arrivo un maschio mentre se l’allargarsi del pancione è distribuito anche sui fianchi è in arrivo una femminuccia.

– Pelle della mamma: se la pelle del viso della mamma sta risentendo in modo particolare di questa gravidanza è probabile che sia in dolce attesa di una femmina, se invece la pelle del viso è morbida, liscia e splendente è in arrivo un maschietto.

– Pressione alta o bassa in gravidanza: misurando la pressione sanguigna si può anche capire se si aspetta un maschio o una femmina, infatti se il valore non supera i 140 battiti al minuto arriverà un maschietto, se invece i valori superano i 140 battiti al minuto è in arrivo una femminuccia.

– Testa o croce sul pancione: si lancia una monetina sulla pancia, se esce testa arriverà un maschietto, se esce croce è in arrivo una femmina.

– Somma delle date: sommando il numero relativo all’età della mamma al momento del concepimento più il numero del mese in cui è avvenuto, se il numero sarà dispari è in dolce attesa di una femmina, se il risultato invece darà un numero pari è in arrivo un maschietto.

– Il pendolo con la fede: si appende la fede nuziale ad una catenina e la si farà muovere come un pendolo sulla tua pancia: se il pendolo si muove formando dei cerchi sta arrivando un maschio, se il pendolo si muove da un alto all’altro è in arrivo una femmina.

12 Modi per Sapere se si è in Dolce Attesa di un Maschietto o di una Femminuccia
12 Modi per Sapere se si è in Dolce Attesa di un Maschietto o di una Femminuccia

– I primi movimenti del bambino: se si iniziano a percepire dei movimenti molto presto allora vorrà dire che è in arrivo un maschio, se invece prima di sentire i primi movimenti passerà molto tempo sta crescendo una femminuccia.

Altri autorevoli studi hanno invece dimostrato che in primavera nascono più femmine, mentre negli anni più caldi vengono al mondo più maschi; e ancora, che nei Paesi più vicini all’equatore nascono più femmine mentre i rapporti si invertono man mano che si sale verso i Poli; che gli uomini di colore diventano più facilmente padri di una femmina mentre gli asiatici hanno più probabilità di concepire un maschio; che i forti fumatori mettono al mondo più femmine.

E, infine, che tra maratoneti, piloti di caccia, astronauti, contadini che usano pesticidi, carpentieri navali e lavoratori esposti ai metalli pesanti nascono più femmine, così come più femmine nascono nei periodi di crisi economica o di carestia e tra le madri che prima della gravidanza sono state vittime di eventi traumatici.

In definitiva mentre normalmente il tasso di natalità è di 100 femmine ogni 125 maschi, in presenza di condizioni ambientali difficili le proporzioni cambiano a favore del sesso debole: pochi soldi, poco cibo, stress e inquinamento (oltre a far diminuire il tasso generale di fertilità, che viene quindi compromesso) portano il rapporto a 100 femminucce ogni 105 maschi.

La spiegazione è che il “sesso debole” è in realtà molto meno fragile quando si tratta di adattarsi a condizioni di vita difficili: le femmine, infatti, al momento del parto pesano mediamente 100 grammi meno dei maschi, e necessitano di meno nutrienti per restare in vita e per crescere in salute.