Dopo lo sciopero aziendale per difendere i diritti LGBTQ+, la Walt Disney decide di reinserire la scena gay nel prossimo film.

Le proteste fatte dai dipendenti Disney contro la legge della Florida hanno avuto i loro frutti: la compagnia ha infatti reinserito una scena gay all’interno del prossimo film.

Si tratta della storia sulle origini di Buzz Lightyear della Pixar, che era stata in precedenza censurata a causa della legge dello Stato della Florida, chiamata “Don’t say gay”. La normativa vieta la discussione in classe dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere.

Nonostante l’ex CEO della Disney Bob Iger avesse condannato il disegno di legge a febbraio, l’attuale CEO Bob Chapek si è trattenuto nel condannarlo completamente e aveva affermato: “Credo che il modo migliore per la nostra azienda di apportare un cambiamento duraturo sia attraverso i contenuti stimolanti che produciamo”.

Dopo proteste, scioperi e manifestazioni dei dipendenti, Chapek ha scritto una lettera dicendo: “È chiaro che non si tratta solo di una questione relativa a un disegno di legge in Florida, ma piuttosto di un’altra sfida ai diritti umani fondamentali. Avevate bisogno che io fossi un alleato più forte nella lotta per la parità dei diritti e vi ho deluso. Mi dispiace”

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-03-2022


Bridgerton: ecco tutti i libri della saga e in che ordine leggerli

Bonus benzina 2022: di cosa si tratta e come funziona