Dior immagina l’autunno 2021 senza pandemia, e lascia che i colori, super pop, esplodano portando una ventata di ottimismo che celebri la vita, e un nuovo inizio.

Dalla pandemia in corso e dall’emergenza improvvisa di Marzo, la moda ha imparato una lezione: sapersi reinventare in qualsiasi caso e necessità. Dior trasforma questa nuova consapevolezza in una collezione: l’autunno 2021 Dior è un’esplosione di colori pop, dai più tenui ai più saturi, ma super colorati. Da qualche giorno la maison francese diretta da Maria Grazia Chiuri ha presentato il lookbook del prossimo autunno, che si presenta con la sua eccentricità come l’augurio più grande, a ridosso della fine dell’anno, da fare a ciascuno di noi.

Autunno 2021 Dior: energia, colore e stravaganza

Accostare a Dior l’aggettivo stravaganza sembra quasi un ossimoro a giudicare dalle ultime collezioni dalle nuance composte e delicate, ma attributo migliore non c’è per raccontare la bar jacket a tre bottoni in stampa leopardata marrone, abbinata ad una camicia in pizzo e a collane multiple a catena.

Ma ci sono anche le minigonne in stile pop art, outfit in vernice trasparente e collant a rete, insomma outfit che non guardano più alle brave ragazze, ma piuttosto alle good girls gone wilde, per citare una canzone di Madonna di qualche anno fa.

Colore, risveglio ed energia, è di questo che ha bisogno il mondo, e così Dior racconta della donna dell’autunno -si spera – post pandemia, pronta con tutto l’ottimismo possibile a riprendersi il mondo tra le mani e ricominciare.

Una collezione tra pezzi iconici della maison e ricordi giovanili

L’incipit della collezione autunnale 2021 di Dior è il trench leopardato realizzato negli anni ’50, ispirato al gusto di Mizza Bricard, fra le muse più amate di Monsieur Dior, e con la passione smisurata per perle e stampe animalier.

A questo tuffo nel passato della maison, si aggiunge anche quello della direttrice creativa Maria Grazia Chiuri, che pensando alla sua giovinezza ripropone lo stile e il gusto di Fiorucci.

Impossibile non cogliere l’ispirazione nell’interpretazione della stampa Oblique in un mantello di plastica con cappuccio, ma anche nelle tute argentate.

Evidente anche l’influenza dello stile K-Pop, il genere musicale coreano che conquista con i suoi colori sgargianti anche la moda, e non a caso , leader delle Black Pink, è già ambassador Dior.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Asos: è tempo di vintage con la linea “The Rare Edit”

Alexandre Vauthier riscrive la sua collezione shoes con Giuseppe Zanotti