Come seguire la dieta a zona da 11 blocchi? Vediamo quali sono le regole basilari e quali alimenti sono consigliati.

Per capire come viene strutturata la dieta zona da 11 blocchi, bisogna prima premettere in cosa consiste la dieta a zona. Questo tipo di dieta è volto a ridurre il grasso in eccesso ed evitare gli attacchi di fame che sono spesso proprio quelli che tendono a far ingrassare più facilmente. Nella dieta a zone ogni pasto deve contenere i tre macronutrienti principali ovvero carboidrati, proteine e lipidi, vediamo quali sono le regole di base.

Le regole di base

La dieta a zona si basa principalmente sulla ripartizione dei macronutrienti seguendo questo schema: 40% di carboidrati, 30% di proteine e 30% di grassi. Inoltre è importante che i pasti siano correttamente distribuiti nell’arco della giornata in modo che non trascorrano più di cinque ore tra un pasto e l’altro. Proprio per questo motivo in genere si suddivide la giornata in 3 pasti principali e due spuntini. Nella dieta a zona i pasti sono suddivisi in un’unità di misura più piccola chiamata blocco, ogni blocco è a sua volta costituito da carboidrati, proteine e grassi.

alimentazione dieta menu
alimentazione dieta menu

In un menu a zona da 11 blocchi suddiviso in cinque pasti troveremo uno schema come questo:
– colazione 3 blocchi
– spuntino a metà mattina 2 blocchi
– pranzo 2 blocchi
– spuntini a metà pomeriggio 2 blocchi
– cena 2 blocchi.

Fate attenzione perché il numero di blocchi, che si traduce in una diversa quantità di calorie assunte, non è universale ma dipende da persona a persona. Ogni dieta dovrebbe, infatti, essere strutturata tenendo in considerazione il fabbisogno alimentare che varia in funzione di età, sesso e tipo di attività svolta.

Esempio dieta zona 11 blocchi: quali alimenti sono consigliati?

La dieta a zona si basa sui macronutrienti principali, ma questo non significa che tutti gli alimenti siano concessi. Per quanto riguarda i carboidrati sono da preferire quelli a basso indice glicemico come frutta e verdura, ottime fonti di fibra. Le proteine dovrebbero provenire da carni magre, pesce o formaggi magri. Per quanto riguarda i grassi si punta su quelli insaturi come l’olio extravergine di oliva, i pesci che hanno un alto contenuto di omega 3 e la frutta secca.

Ecco un video di riepilogo:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-10-2021


Che significa avere un neo che prude?

Scaldacollo all’uncinetto: cosa serve per iniziare a realizzarne uno