Dieta per sindrome premestruale

Ansia e irritabilità pre-ciclo? Arriva la dieta per sindrome premestruale.

chiudi

Caricamento Player...

Una corretta dieta per sindrome premestruale ci aiuterà in maniera valida a combattere quei disturbi che caratterizzano i giorni precedenti alla comparsa delle mestruazioni. La sindrome premestruale, conosciuta in ambito medico come PMS, interessa la maggior parte delle donne in età fertile e procura sintomi che possono compromettere le normali abitudini quotidiane: sonnolenza, stanchezza eccessiva, crampi, irritabilità, accompagnate spesso dalla comparsa di antiestetici brufoli la cui vista rischia di aumentare il nostro malumore. Tutto questo è causato dallo squilibrio ormonale che avviene nei giorni precedenti alla comparsa delle mestruazioni: diminuiscono la serotonina e la dopamina e si innalza il livello di estrogeni e la prolattina, tutti fattori che però possono essere contrastati seguendo una giusta dieta per sindrome premestruale.

Il segreto è integrare nella dieta alimenti ricchi di magnesio, che favorisce anche il rilassamento muscolare, quindi via libera a banane, mandorle e a tutte le verdure a foglia verde. Il magnesio può essere assunto anche sotto forma di integratore, come ad esempio il Mag 2, disponibile in bustine idrosolubili o orosolubili da prendere un paio di volte al giorno.

Per innalzare i livelli di serotonina e far tornare il buonumore, la dieta per sindrome premestruale prevede anche cibi ricchi di carboidrati, che possano constrastare gli attacchi di fame tipici dei giorni precedenti al ciclo, quindi pasta e pane di grano duro, farinacei, riso ma anche la frutta secca, che contiene un alta dose di vitamina B6, la piridossina, principale antidoto a gonfiore, ritenzione idrica ma anche mal di testa ed irritabilità.

Per seguire una corretta dieta per sindrome premestruale sono da evitare bevande quali caffè, tè e cioccolato, i fritti, le salse, verdure e pesci in salamoia e tutti quegli alimenti ad alto contenuto di sodio che favoriscono il trattenimento dei liquidi corporei. Pesce azzurro, latte e yogurt al contrario sono un vero toccasana per contrastare i crampi perché contengono calcio, che previene oltre ai dolori ossei anche le contrazioni muscolari.

Adottando questi semplici ‘accorgimenti alimentari’ potremo dire addio alla fastidiosissima sindrome premestruale e a tutti i sintomi negativi ad essa correlati.