Come dimagrire senza contare le calorie grazie alla dieta molecolare

Niente più conteggi di calorie, grazie ad un nuovo metodo: la dieta molecolare del dottor Rossi. Ecco di cosa si tratta e come funziona!

Alla base della dieta molecolare vi è la conoscenza delle minuscole particelle contenute all’interno degli alimenti che si mangiano tutti i giorni. In base a quanto proposto dal dottor Rossi – promotore ed inventore di questo regime alimentare – seguendo la sua dieta è possibile perdere i chili in eccesso. Di solito viene consigliata sia dopo periodi di pranzi e cene sostanziose sia in vista della prova costume.
Scopriamo allora di più sulla dieta del dottor Pier Luigi Rossi, senza dimenticare di consultare un medico esperto prima di intraprendere questo percorso nutrizionale!

Cos’è la dieta molecolare?

Il dottor Pier Luigi Rossi – specialista in alimentazione all’ospedale San Donato di Arezzo – sostiene che il conteggio classico delle calorie di ogni singolo alimento sarebbe inutile per una perdita di peso efficace e duratura. Secondo il dottore, infatti, si dovrebbe dare maggiore importanza alla combinazione delle singole molecole che costituiscono i cibi.

Come si può fare? Il dottore ha dedicato un intero libro a riguardo intitolato Dalle calorie alle molecole. Il nuovo orizzonte del controllo del peso in cui spiega nel dettaglio le molecole contenute in ogni alimento e come i diversi cibi vanno tra loro abbinati per una sana alimentazione.

La dieta molecolare: come funziona

A differenza di tutte le diete iperproteiche e restrittive – come la dieta Dukan – il suo metodo non prevede l’eliminazione di alcun alimento e, come già detto in precedenza, nemmeno il conteggio delle calorie. Secondo la dieta del dottor Rossi, quindi, bisogna partire con una buona dose di conoscenza di ciò che si mangia quotidianamente.

Al corretto bilanciamento di grassi, proteine e carboidrati va aggiunto un processo iniziale atto a disintossicare il corpo e a renderlo pronto alla successiva fase di perdita di peso. Cosa prevede questo regime alimentare? Innanzitutto una depurazione iniziale del nostro organismo tramite l’assunzione di liquidi e cibi sani.

In secondo luogo vanno diminuiti i carboidrati, rispetto a come li consumiamo di solito, e va fatta della sana attività fisica con regolarità, per mantenere l’organismo e il fisico sano ed allenato.

Cosa si può mangiare?

La dieta privilegia le verdure fresche, da consumare preferibilmente crude, motivo per cui vanno scelte con attenzione e possibilmente acquistate dal fruttivendolo di fiducia. Lo stesso vale per il pesce e la carne, sempre freschi e possibilmente non trattati. La cottura ideale per questi due alimenti è quella alla griglia oppure al vapore.

Papaya
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/frutta-cibo-papaia-sweet-3200179/

L’importanza dei carboidrati non è marginale, che vanno tuttavia assunti in modo attento, evitando gli eccessi e privilegiando cereali integrali. L’olio d’oliva – possibilmente extravergine e biologico – è immancabile, sebbene da consumare e scegliere con parsimonia.

L’acqua e le tisane occupano un’importante paragrafo all’interno di questo regime alimentare. Sarebbe meglio se l’acqua fosse ricca di bicarbonato, ossia con un pH superiore a 6. Per le tisane non ci sono delle limitazioni imposte dalla dieta, perciò si possono scegliere in base ai propri gusti.

Lo schema della dieta molecolare completa

Per una sana alimentazione basata su questo regime alimentare, bisogna seguire delle indicazioni circa l’assunzione dei cibi ad ogni pasto. Fondamentalmente, la regola principale dice che ogni quattro giorni proteici (in cui non manca l’assunzione dei carboidrati), il quinto giorno è possibile consumare un quantitativo di carboidrati maggiore.
Vediamo nel dettaglio lo schema del metodo alimentare:

• Ogni mattina, appena svegli, si devono bere due grossi bicchieri d’acqua a digiuno. Essendo l’acqua un caposaldo di questa dieta, va bevuto un bicchiere d’acqua all’ora per mantenere idratato l’organismo.

• Gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio prevedono l’assunzione di spremute e succhi freschi fatti in casa – come il succo di melograno – oppure centrifugati senza l’aggiunta di zuccheri.

• A colazione bisogna consumare una tazza di latte scremato, di tè verde o di orzo (senza zuccheri aggiunti) da abbinare ad alimenti solidi come i biscotti integrali, le fette biscottate o la frutta fresca.

• A pranzo vanno sempre scelte delle verdure (meglio crude), abbinate ad hamburger magri (non confezionati) oppure a carni bianche o a uova sode. In aggiunta, è concesso del pane integrale.

• Per cena si può mangiare del pesce come il merluzzo, abbinato sempre ad una buona dose di verdura cruda (o al massimo lessa) e al pane di segale.

Tisana
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/tazza-da-t%C3%A8-cuppa-t%C3%A8-alla-menta-tee-2325722/

Prima di andare a dormire il metodo consiglia di bere un’abbondante tazza di tisana: ad esempio potete provare la rosa canina – per potenziare le difese immunitari – oppure la menta peperita, in grado di migliorare il benessere dell’intestino.

La dieta molecolare funziona?

Come ogni regime alimentare anche la dieta molecolare ha pro e contro. L’associazione di un’alimentazione sana e l’attività fisica è sicuramente un plus di questa dieta, che si fa portatrice di un’idea nuova e unica nel grande mondo delle diete.

A differenza delle solite diete, inoltre, questa alimentazione promette di non riprendere il peso perso, grazie alla depurazione dell’organismo fatta sin da subito, grazie all’acqua e alle tisane. Quest’ultimo fattore è anche dovuto ad una sorta di rieducazione dell’organismo.

Ci sono delle controindicazioni? Il primo svantaggio di questa dieta è sicuramente la poca conoscenza che molti hanno circa gli alimenti che assumiamo. Se, infatti, con le diete contacalorie basta pesare tutto ciò che si mangia, con questo regime l’attenzione è più alta e di conseguenza anche la conoscenza necessaria dei cibi da abbinare tra loro. Il rischio principale è che non si seguano alla lettera le indicazioni del dottor Rossi.

Secondo alcuni esperti, pertanto, questa dieta non può essere fatta in autonomia, ma va seguita passo per passo da un nutrizionista o un esperto del settore. Anche qualora si avesse una buona conoscenza dei cibi, però, è sempre meglio consultare un medico di fiducia per valutare l’efficacia della dieta sul proprio organismo.

Fonte foto copertina: https://pixabay.com/it/illustrations/perdita-di-peso-peso-nutrizione-2036969/

ultimo aggiornamento: 28-05-2019

X