Cosa si può mangiare e quali cibi è meglio evitare nella dieta per l’allattamento? Vediamo insieme alcuni consigli utili.

Quando una madre si appresta ad allattare al seno, viene naturale chiedersi se ci sia da seguire una particolare dieta per l’allattamento e se ci siano alcuni cibi da evitare in questo momento delicato per non nuocere al bambino. In realtà le credenze secondo cui ci siano cibi particolari che bisogna assolutamente escludere non sono che, appunto, dei falsi miti. In generale è buona norma seguire un’alimentazione molto variegata e soprattutto cercare di non esagerare.

Il neonato è come se già conoscesse i ‘sapori’ in base a quello che la madre ha mangiato nell’ultimo periodo della gravidanza. Per questo motivo il consiglio principale è di continuare a seguire il regime alimentare utilizzato nell’ultimo trimestre della gravidanza.

Dieta per l’allattamento: quali cibi evitare?

Si crede che l’uso di alcuni alimenti nell’allattamento abbia delle conseguenze negative per il neonato. Tuttavia, non ci sono dei veri e propri cibi sconsigliati, e molte credenze che negli anni si sono tramandate sono state poi sfatate. Ad esempio non c’è correlazione tra una dieta a base di legumi nella madre e la comparsa delle colichette nel neonato.

Caffettiera moka
Caffettiera moka

Gli unici accorgimenti da prestare nella dieta per chi allatta sono di evitare un eccessivo consumo di caffeina e moderare strettamente il consumo di alcolici.

Per quanto riguarda la caffeina, si può comunque assumere caffè durante l’allattamento, è importante però limitarne il consumo a non più di due o tre tazzine al giorno. Questo perché la caffeina è in grado di passare in minima parte attraverso il latte materno e può essere quindi assunta in via indiretta dal neonato. Le conseguenze di un’assunzione eccessiva di caffeina potrebbero manifestarsi con lo sviluppo di irritabilità da parte del neonato.

L’alcol, invece, va moderato ancora di più della caffeina, perché ha una capacità ancora più elevata di passare nel latte materno. In caso di assunzione di bevande alcoliche si consiglia, quindi, di aspettare per qualche ora prima di allattare di nuovo.

Alimentazione durante l’allattamento: quanto deve mangiare la donna

Secondo i valori nutrizionali di riferimento (tabelle LARN rilasciate periodicamente dalla Società Italiana di Nutrizione Umana e raccomandazione dell’EFSA – European Food Safety Authority) durante i primi sei mesi di allattamento esclusivo al seno la neo mamma dovrà assumere circa 500 kcal al giorno in più.

Mamma cucina con in braccio neonato
Mamma cucina con in braccio neonato

Inoltre, così come per la dieta nel periodo della gravidanza, anche chi allatta deve prestare una particolare attenzione. Soprattutto bisogna valutare e integrare il giusto apporto di quelli che vengono chiamati micronutrienti, vale a dire vitamine e minerali, come il ferro e lo iodio.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Da cosa è causata la ritenzione idrica in gravidanza? Ecco le cause e i rimedi

Secondo trimestre di gravidanza: come cambia il corpo e come abituarsi