Tutto quello che c’è da sapere sui datteri, i valori nutrizionali e i benefici che questo frutto porta all’organismo (oltre a essere molto gustoso).

I datteri sono frutti, dalla caratteristica forma ovale, provenienti dalla palma da dattero, che prende il nome scientifico di Phoenix Dactylifera. Quest’ultima è una pianta tipica dell’Africa settentrionale e dell’Asia sud occidentale. A partire dal diciottesimo secolo, però, la troviamo anche in America. Scopriamo qual è la loro descrizione (diversa a seconda del tipo), le proprietà, i valori nutrizionali, la quantità giornaliera da assumere e i benefici che essi portano.

La descrizione dei datteri
Le proprietà dei datteri
I benefici e quanti mangiarne al giorno

La descrizione dei datteri, al naturale e essiccati

I datteri, quando sono maturi, hanno una lunghezza di circa 3 centimetri e un diametro di circa 2 centimetri. In natura sono presenti diverse varietà: se ne contano, infatti, circa 400. In particolare, però, esistono due tipologie ben specifiche: quelli a polpa dura e quelli a polpa molle. I primi sono molto apprezzati nei Paesi Arabi, mentre i secondi più in quelli Europei e nel continente americano.

Il dattero fresco, prima della consumazione, viene essiccato al sole. Ciò consente, non a caso, un aumento della concentrazione degli zuccheri, da cui consegue, quindi, una migliore conservazione oltre a renderlo più dolce.

Datteri
Fonte Foto:https://pxhere.com/it/photo/1058190

Quali sono le proprietà dei datteri?

I valori nutrizionali dei datteri sono molto interessanti, in quanto ne derivano proprietà importanti. Essi sono, nello specifico, i seguenti: 253 calorie per 100 grammi. Sono costituiti dal 50, 70% di zuccheri, ovvero carboidrati, 20, 30% di acqua, 0,60% di grassi e 2,7% di proteine.

Essi sono indicati in una dieta energetica, ma sconsigliati in un regime ipocalorico. Vanno anche bene in diete iperproteiche.

La polpa del frutto è ricca anche di magnesio (50, 60 mg per 100 grammi). Inoltre contiene gli aminoacidi essenziali, vitamine (soprattutto quelle del gruppo b), ferro, potassio, rame, calcio, manganese e zinco. Ha proprietà antiossidanti, che inibiscono la formazioni di radicali liberi che sono associati all’invecchiamento cellulare.

Si caratterizzano quindi come un’ottima, gustosa e sana soluzione (uno snack senza carboidrati) da adottare tra un pasto e l’altro. Le proprietà dei datteri, di per se, fanno propendere a sceglierli al posto degli snack confezionati.

Datteri: i benefici e quanti mangiarne al giorno

Quanti datteri dobbiamo consumare al giorno per ottenerne beneficio? Il consiglio è di stare sui tre quotidiani. La quantità infatti basta per godere di svariati effetti positivi, che riguardano i seguenti ambiti:

Colesterolo. Se consumati regolarmente i datteri permettono di abbassare i livelli di colesterolo LDL, cioè quello cattivo. Quest’ultimo infatti può causare problemi cardiovascolari.

Tonificano i muscoli. I datteri contribuiscono a tonificare i muscoli e il sistema cardiovascolare. Essi, inoltre, proteggono le funzioni cerebrali grazie alla vitamina B6. Sono particolarmente utili agli sportivi e per coloro che necessitano di un ricostituente. Combattono inoltre la ritenzione idrica e l’effetto dei radicali liberi.

Pancia piatta
Pancia piatta

Proprietà lassative. Sono particolarmente indicati per chi soffre di stitichezza; godono di proprietà lassative se accompagnati da molta acqua.

Gravidanza. Se consumati durante la gestazione rafforzano i muscoli uterini favorendo la dilatazione durante il parto. Incrementano, inoltre, la produzione di latte materno.

Curano e prevengono l’anemia. Contenendo parecchio ferro riescono a combattere, con successo, il senso di apatia e stanchezza che questo disturbo porta solitamente con sé.

Fonte di energia. Si tratta di frutti ricchi di zuccheri naturali (fruttosio, saccarosio e glucosio). Sono un’ottima alternativa agli snack dolci poiché sono in grado di mantenere costantemente alta l’energia.

Migliorano la digestione. I datteri sono un concentrato di fibre solubili. Essi sono molto importanti per la salute dell’apparato digestivo, visto che attingono acqua dal tratto digerente. Si caratterizzano, inoltre, come fonte di potassio, il che aiuta a trattare disturbi allo stomaco come la diarrea. Poi, rafforzano i batteri favorevoli nello stomaco.

-Migliorano la salute delle ossa, del sangue e rinforza il sistema immunitario. Essendo particolarmente ricchi di selenio, manganese e magnesio sono importanti per prevenire il cancro. A ciò si aggiunge un effetto benefico alle ossa: contribuiscono infatti a mantenerle forti. Sono ottimi anche nel rinforzare il sistema immunitario e nel purificare il sangue.

Fonte foto: https://pxhere.com/it/photo/1058190

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona


Il trucco da gatta: un make-up semplice, ma pieno di fascino

Addominali perfetti in 8 minuti? Ecco gli esercizi da fare